fbpx

Camminare per ristabilire l’equilibrio

“Non perdere la voglia di camminare: io, camminando ogni giorno, raggiungo uno stato di benessere e mi lascio alle spalle ogni malanno; i pensieri migliori li ho avuti mentre camminavo, e non conosco pensiero così gravoso da non poter essere lasciato alle spalle con una camminata, ma stando fermi si arriva sempre più vicini a sentirsi malati. Perciò basta continuare a camminare e andrà tutto bene”.

Lo scriveva Bruce Chatwin, narratore e viaggiatore britannico e aveva ragione.

Camminare è un’azione benefica che, purtroppo, nella vita frenetica e caotica di oggi abbiamo smesso di fare. Dovremmo tutti, giovani e non, ritagliarci un po’ di tempo per passeggiare all’aria aperta, godere del fresco, del sole, del vento e dei paesaggi, poi sederci su una panchina e leggere un libro. Potremmo farlo da soli, in piena sintonia con l’Universo, o in compagnia di un amico, per parlare e raccontarsi con calma e tranquillità. Sarebbe una gioia per una persona anziana che non sa come occupare le sue giornate, un antistress per uomini e donne presi da famiglia e impegni di lavoro e un diversivo per i ragazzi sempre incollati al computer. Camminare stimola la creatività, fa venire nuove idee, ci rende più fiduciosi, più sicuri e, soprattutto, più sereni.

I vantaggi del camminare non si fermano a un semplice benessere. Secondo gli esperti camminare un’ora al giorno aiuta a prevenire il cancro al seno: le donne che lo fanno hanno il 14% di probabilità in meno di ammalarsi. Quest’attività fisica riduce anche il rischio di malattie cardiache, lo rivela una ricerca della American Heart Association. Camminare allunga la vita, a dirlo è l’Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) che ha dichiarato che una passeggiata al giorno è più che salutare, migliora la respirazione e aiuta a perdere peso, riducendo il rischio di diabete. Passeggiare a piedi, salire le scale e portare a spasso il cane sono ottimi punti di partenza per perdere i chili di troppo.

sponsor salutebuongiorno

Un esperimento effettuato negli Stati Uniti ha dimostrato che muoversi aumenta la produttività. Sono stati installati dei tapis roulant sotto alle scrivanie di alcuni dipendenti di un’azienda. Il test ha mostrato risultati sorprendenti: i dipendenti che lavoravano facendo movimento producevano di più.
Quest’attività così semplice ma così efficace aiuta anche a combattere l’obesità infantile. Uno studio ha dimostrato che i bambini, tra i 10 e i 12 anni, che portano a spasso il cane hanno meno probabilità di diventare sovrappeso. L’esercizio fisico costante risveglia la tiroide. Il movimento aiuta a risvegliare il metabolismo ed è un vero e proprio toccasana quando al malfunzionamento della tiroide si associa un aumento di peso.

Strettamente legata alla passeggiata immersi nella natura c’è un’altra attività, quella della meditazione. Dagli Stati Uniti arriva la meditazione mindfulness, di origine buddista. Una tecnica che insegna a liberarci dalle abitudini che ci condizionano, riduce l’ansia ed è consigliata per prevenire alcune malattie. Il termine mindfulness significa consapevolezza e lascia ad ogni persona la possibilità di trovare la strada per combattere ansia e stress. Alcuni studi rivelano che questo tipo di pratica è efficace per liberarsi dal vizio del fumo. È possibile seguire corsi di meditazioni anche in rete.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *