fbpx

Sorriso perfetto? Si può! Ecco i metodi

Dall’olio d’oliva al laser, tutti i rimedi contro l’ingiallimento dei denti per avere un sorriso perfetto

A volte lavarsi i denti tre volte al giorno non basta per avere un sorriso bianco e splendente perché l’igiene orale è solo una delle cause della mancanza di smalto. L’età, la genetica, la somministrazione di troppi antibiotici che rendono i denti più vulnerabili, le infezioni di vario tipo, un metabolismo irregolare e persino il clima, possono causare l’ingiallimento dei denti.
Per fortuna esistono dei rimedi naturali per ottenere lo sbiancamento dei denti, prima di ricorrere alla medicina o a un dentista. Le sostanze e gli alimenti amici del nostro sorriso sono: il limone, il bicarbonato di sodio, la salvia, l’acqua ossigenata, l’aceto di mele, le fragole, l’olio d’oliva, la buccia d’arancia e la radice di araak.

I risciacqui con acqua e limone sono il perfetto preparato per chi ha questo problema, ma non bisogna eccedere con questo trattamento perché l’acidità del limone potrebbe produrre l’effetto contrario e rovinare lo smalto.
Un altro alleato per un sorriso perfetto è il bicarbinato di sodio che, mescolato con l’acqua, si trasforma in una pasta dentale che lucida e elimina tutte le macchie fastidiose e antiestetiche. Anche con il bicarbonato, però, bisogna fare attenzione perché l’uso eccessivo può causare ipersensibilità dentale e rovinare lo smalto.

SALVIA

La salvia, ancora, è una pianta dalle mille proprietà, perché è ricca di acido carnosico, acidi fenolici, flavonidi e salvina, sostanze che hanno molteplici benifici: sono sbiancanti, combattono i batteri e contrastano l’alitosi. L’uso di questa pianta è semplice: applicare alcune foglie di salvia essicate sui denti una o due volte a settimana per ottenere un effetto duraturo nel tempo.

ACQUA OSSIGENATA

L’acqua ossigenata, invece, è un rimedio poco usato perché la sostanza crea non poco disgusto se usata per risciacquare i denti. Da usare con moderazione, insieme all’acqua e al bicarbonato di sodio, produce gli effetti desiderati.  Anche l’aceto di mele è ottimo per eliminare il giallo dei denti, non a caso esiste il noto proverbio: “Una mela al giorno leva il medico di torno”. L’acidità della mela corrode le macchie e garantisce una pulizia generale della bocca. Anche l’acidità della fragola produce gli stessi benefici risultati. Basta tagliare in due il frutto e strofinarlo sui denti una volta alla settimana.
Sembra strano ma persino l’olio di oliva è uno sbiancante naturale dei denti, in grado di pulire a fondo le chiazze senza rovinare la superficie esterna della vostra dentatura. Bisogna bagnare una garza o dell’ovatta con una goccia d’olio e passarla sui denti.

RADICE DI ARAAK

Infine, il rimedio dei rimedi, la sostanza più agressiva ed efficace contro le macchie gialle, in quanto concentrato di moltre altre sostanze antibatteriche è la radice di Araak che, non a caso, viene chiamata anche “radice spazzolino“. Essa è composta da diverse sostanze che combattono la sporcizia accumulata sullo smalto tra cui: bicarbonato di sodio, silicio, potassio e fluoro.
Ma se i rimedi naturali non bastano perché il vostro problema è più serio, ci si può rivolgere a un dentista di fiducia o ricorrere al trattamento laser.

I trattamenti dal dentista consistono nell’eliminazione delle macchie grazie a una soluzione a base di perossido d’idrogeno, fotoattivata da una lampada ad alta energia posta a diretto contatto con i denti.
Attraverso l’applicazione di un gel a base di perossido di idrogeno il laser agisce penetrando lo smalto dentale e raggiungendo le molecole pigmentate dei denti, responsabili di macchie o del loro ingiallimento, frantumandole mediante reazioni di ossidoriduzione.
Non c’è da preoccuparsi, l’ingiallimento dei denti ha più di una soluzione!

Vedi anche il nostro articolo come prevenire le carie.

Condividi

Lascia un commento :