fbpx

Mirtillo un antidepressivo naturale

Il mirtillo o Vaccinium Myrtillus è un frutto tipico del sottobosco, proprio delle zone di montagna e dei boschi, lì trova il suo terreno fertile per crescere forte.

La sua fioritura avviene in primavera e se ne distinguono tre varietà: rosso, blu e nero.

La Nutrition Foundation of Italy ha pubblicato un recente studio che proverebbe come il consumo di questo frutto mostri un’evidente  correlazione con il rischio ridotto di sviluppare disturbi depressivi.

Lo studio ha monitorato una fascia di adolescenti, 64 adolescenti, di cui 35 femmine e 29 maschi, di età compresa tra 12 e 17 anni.

I ragazzi sono stati divisi in due gruppi, randomizzati rispettivamente al consumo di una bevanda a base di mirtilli selvatici, contenente 13 g di polvere di mirtillo o di un placebo, per 4 settimane.

Di questo campione il 9,38 presentava un punteggio al di sopra del livello soglia indicativo di depressione.

Lo studio ha avuto una durata di quattro settimane, al termine delle quali si è rilevato una riduzione statisticamente significativa dei sintomi depressivi nel gruppo trattato con la bevanda a base di mirtilli rispetto all’altro gruppo di controllo.

In linea con le osservazioni di precedenti studi epidemiologici, questi risultati, hanno suggerito la possibilità di migliorare il tono dell’umore, soprattutto negli adolescenti, con un’integrazione di bevande a base di mirtillo selvatico.

Premesso che si tratta di un campione ridotto, è soltanto un segnale che va in questa direzione, ovvero che una dieta che integra il mirtillo selvatico può agire come contrasto a piccoli disturbi dell’umore tipici dell’età adolescenziale.

Bere e mangiare mirtillo, allora, in quanto un integratore capace di contrastare i cambiamenti dell’umore.

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *