fbpx

Albicocca per la salute degli occhi e della pelle

L’albicocca, come mandorle e mele, rientra nella famiglia delle Rosacee.

Ad alto contenuto di pectina, l’albicocca, non solo abbassa i livelli di glicemia ma apporta il sostanziale fabbisogno di vitamina A.

Fonte di potassio, magnesio, ferro, zinco e calcio, l’albicocca, per queste caratteristiche,  si consiglia a chi ha carenza di vitamina A e soffre, quindi, di malattie degli occhi, disturbi gastrointestinali, ma  viene anche suggerita come alleato della pelle contro i raggi del sole, poiché svolge funzione protettiva.

Essendo un frutto ricco di carotenoidi, l’albicocca, inoltre, riesce a contrastare la degenerazione maculare causata dall’invecchiamento.

L’albicocca, infatti, contiene luteina, una sostanza che protegge la vista.

Una ricerca pubblicata negli Stati Uniti dagli Archives of Ophtalmology, rivela come consumare albicocche fresche, come anche quelle essiccate, possa essere un’ottima prevenzione della maculopatia della retina.

Sono gli antiossidanti presenti nel frutto che aiutano il benessere di tutti gli organi, compresi quelli della vista.

La presenza di antiossidanti, insieme all’acqua presente nel frutto, lo rende indicato per idratare l’organismo e assicurargli una buona protezione dall’invecchiamento della pelle poiché contrasta la comparsa delle rughe.

Processo anti age favorito anche dalla presenza di magnesio e calcio che aiutano il tono della pelle e ne mantengono l’elasticità.

Il betacarotene dell’albicocca contrasta gli enzimi che fanno degenerare il collagene, la proteina che contribuisce a mantenere tonici i tessuti, compresi la pelle e le pareti dei vasi sanguigni.

Ciò fa in modo che si possano prevenire le rughe, perdita di tonicità dei vasi sanguigni e linfatici, quindi, migliora la circolazione e previene la ritenzione dei liquidi

Un discorso valido anche per la salute dei capelli dato che agisce, l’albicocca, come rivitalizzante.

Per chi ha problemi di sonno, se consumate di sera, le albicocche, sempre per la presenza di magnesio che favorisce il rilassamento dei muscoli, riescono ad agire sul riposo in maniera positiva.

Stimolano, infatti, la produzione di serotonina, il neurotrasmettitore atto a equilibrare il ritmo veglia-sonno.

Infine aumenta le difese immunitarie e dona senso di sazietà nonostante il basso apporto calorico.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *