fbpx

Basilico l’energizzante estivo in cucina ed erboristeria

La parola basilico, di derivazione greca basileus e l’aggettivo bazilicòn (in latino basilicum), significa letteralmente “re” e “reale”.

L’etimologia della parola ci aiuta nella comprensione delle sue proprietà benefiche, talmente forti da annoverarlo tra le piante medicinali e sacre, non solo per i greci ma anche per gli Egizi.

La cultura greca come quella egizia prevedeva l’offerta del basilico durante i riti sacrificali e come pianta che accompagnava nel viaggio di trapasso dalla terra all’Aldilà.

sponsor salutebuongiorno

In erboristeria, anche oggi, il basilico è la base di oli essenziali e infusi per aiutare l’organismo nei processi digestivi ma anche per ridurre e alleviare le infiammazioni.

Gli oli essenziali, in particolare, aiutano a rimettersi da un brutto raffreddore così come da tosse e bronchite, asma e mal di gola.

Il basilico in foglie placa, inoltre, le irritazioni da puntura di insetto, applicando le foglie, appunto, sulla zona interessata.

Della famiglia delle Lamiacee, il basilico proviene dall’India ma nel tempo è diventato una pianta molto coltivata anche nel Mediterraneo.

Il basilico contrasta gli stati di stanchezza, astenia ma migliora notevolmente anche il tono dell’umore.

Il suo concentrato di vitamine (A, C, complesso B) e minerali come ferro, potassio, fosforo e calcio, sostengono l’organismo nel riappropriarsi di energia e concentrazione, potenzialità che il caldo estivo potrebbe compromettere.

In cucina il basilico andrebbe consumato in foglie, non si presta, infatti, alle alte temperature della cottura e neppure al trito della mezzaluna.

Bene, invece, l’utilizzo delle sue foglie fresche nei sughi, aggiunte poco prima di servire a tavola.

Il basilico in tavola è un elemento benefico per stomaco e intestino poiché, grazie alla presenza dell’eugenolo, agisce sulle mucose gastriche favorendo il processo digestivo e alleviando i disturbi intestinali per le sue proprietà antibatteriche.

Ricco di beta carotene, il basilico contrasta il colesterolo e aiuta il sistema cardiovascolare, ciò a causa della presenza del magnesio che regola il battito cardiaco migliorando il flusso sanguigno.

La pianta del basilico è anche un rinforzante per le ossa per il suo concentrato di vitamina K.

Il classico pesto alla genovese è, allora, non solo una delizia per il palato ma anche una ricetta estremamente benefica per la salute di sistema nervoso, cuore e ossa.

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *