fbpx

Oli essenziali contro il raffreddore? Usarli con cautela

Gli oli essenziali sono comunemente ritenuti efficaci e innocui, un rimedio naturale contro i malanni più lievi come raffreddore e tosse.

È davvero così?

Gli oli essenziali in realtà possono agire da “interferenti endocrini” allorquando contengono agenti chimici.

Gli interferenti endocrini sono molecole che possono interferire, appunto, con l’attività ormonale.

Nel dettaglio, oli essenziali di lavanda e tea tree favorirebbero l’attività degli estrogeni (ormoni femminili) causando la comparsa, nei giovani uomini, di ginecomastia, uno sviluppo della mammella.

Gli oli essenziali sono soggetti a specifiche normative seppur diverse tra loro.

Alcuni, infatti, devono seguire standard della cosmesi mentre altri, venduti come medicinali, devono soddisfare le normative relative ai farmaci.

Gli oli essenziali di chiodi di garofano, lavanda, menta piperita, niaouli, rosmarino, timo ad esempio, rientrano negli elenchi degli ingredienti di diversi farmaci in vendita.

Per definizione, questi oli hanno una composizione complessa che si ottiene da una materia vegetale o attraverso diversi processi, dalla distillazione all’addestramento.

Sono un concentrato fragrante in forma liquida che si estrae dalla pianta definita botanicamente.

Ne esistono più di 500 varietà.

Specifici oli essenziali sono benefici in quanto dotati di proprietà lenitive, antiallergiche, anti-infiammatorie, ciononostante, non sono farmaci e non rappresentano una panacea per le patologie.

Tra le categorie a rischio si riconosce quella dei bambini sotto i 7 anni.

I bambini, infatti, non dovrebbero mai essere curati con gli oli essenziali.

Anche le donne in gravidanza e in allattamento dovrebbero farne a meno, così come i soggetti allergici, asmatici e chi ha malattie croniche come l’epilessia.

Tra i prodotti  più diffusi, citiamo quello di alloro, ottimo per le infezioni intestinali o i dolori articolari e tendiniti.

Da prendere con cautela, invece, timo e cedro, i quali vanno assunti  previa consultazione di uno specialista.

Leggi anche: https://www.salutebuongiorno.it/2020/03/detergere-e-disinfettare-naturalmente-il-tea-tree-oil/

 

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *