fbpx

Forno a microonde falsi miti e forte impatto ambientale

Il forno a microonde è un elettrodomestico sicuro per la salute.

Le credenze “domestiche” dicono che le onde trasmesse dal forno siano nocive per la salute.

Come funziona un forno a microonde.

Perché generi le microonde il forno usa un Magnetron e le microonde necessarie alla cottura degli alimenti devono avere una frequenza di 2,45 GHz.

Frequenza superata dalle onde radio e meno nocive di quella dei telefonini.

Anche la tecnologia 5G di cui si parla tanto, usa onde più ampie di quelle di un forno a microonde.

Vale a dire che non c’è un reale pericolo dovuto alle microonde anche perché il Magnetron risulta assolutamente isolato dall’esterno.

Il microonde, tra l’altro, gode del vantaggio di non usare forme di calore diretto, riuscendo così a conservare al meglio il contenuto di vitamine e di altre molecole che invece riducono la loro concentrazione soprattutto perché si disperdono nell’acqua di cottura.

I problemi del forno a microonde sono altri e ben più estesi.

Il forno a microonde, infatti, inquina anche se spento.

Nonostante sia in stand-by per il 90% del tempo si calcola che in Europa i 131 milioni di microonde presenti generino 7,7 milioni di tonnellate di CO2 all’anno, l’equivalente delle emissioni annuali di circa 7 milioni di auto.
Un gruppo di ricerca dell’Università di Manchester ha realizzato uno studio sull’impatto ambientale dei forni a microonde.

Per una valutazione esaustiva i parametri d’indagine sono stati il ciclo di vita (LCA), la produzione, l’uso e la gestione.

Nel complesso, analizzando differenti 12 fattori ambientali, lo studio rilevava che il consumo di elettricità rappresentasse il fattore con maggiore impatto ambientale.

Un singolo forno a microonde, infatti, consuma 573 kilowattora (kWh) di elettricità nei suoi otto anni di vita: come l’elettricità consumata da una lampadina a LED da 7 Watt lasciata ininterrottamente accesa per quasi nove anni.

Infine altre considerazioni sono state fatte sullo smaltimento, nel 2005 in Europa sono state generate 184.000 tonnellate di rifiuti di microonde gettati ed entro il 2025 si stima che la cifra salirà a 195.000 tonnellate.

Leggi anche: https://www.salutebuongiorno.it/2020/06/curare-ligiene-degli-elettrodomestici/

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *