fbpx

Drink sostenibili: ethical cocktail

Drink sostenibili.

Il settore del beveraggio approda con creatività a un nuovo lembo di mercato per creare bevande più sostenibili, anche utilizzando scarti di cereali per la colazione oppure sottoprodotti di produzione casearia.

Parliamo di un settore con un trend in crescita, soprattutto, nella fascia dei più giovani.

Cosa sono gli Ethical Cocktails?

Si tratta di drink sostenibili realizzati con ingredienti eco-friendly.

Una ricerca attuale pubblicata dal Daily Mirror ne parlerebbe come un prodotto molto ricercato dai ragazzi, ben 3 ragazzi su 4.

Il periodo che seguirà la pandemia vedrà, stando alle ricerche recenti, l’ascesa di questo tipo di drink sostenibili con un occhio alla territorialità.

Ingredienti biologici, frutta, verdura o scarti alimentari.

Liquori indipendenti che si dedicano alla realizzazione di drink da fonti etiche e sostenibili.

Commercio equo e solidale, quindi, all’interno del quale troviamo dal rum alla vodka al gin.

Limitare gli sprechi.

Il settore della birra eco sostenibile produce la sua birra utilizzando pagnotte e croste inutilizzate dai panifici cercando di limitare lo spreco del pane.

Fattorie locali per l’orzo.

Troviamo anche la tequila bio.

L’acqua pulita viene recuperata dalla produzione di tequila e riutilizzata, lo stesso avviene per le fibre di agave rimanenti utilizzate per realizzare concime fertilizzante.

L’industria del beverage è responsabile di enormi quantità d’acqua utilizzata e di calore per il processo di produzione di birra e di distillazione nonché della produzione di grandi quantità di rifiuti.

Ciononostante, pratiche di approvvigionamento sostenibile e l’uso di energie alternative sembra si stiano affermando e non con lentezza.

Stesso discorso per gli imballaggi.

Tra le prime file del settore drink sostenibili troviamo il Regno Unito ma il settore dimostra una larga crescita e diffusione in tutta Europa.

Leggi ancheDrink: un paio a settimana favoriscono le abilità cognitive

 

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *