fbpx

Depressione e creatività. Lo studio

Il rapporto tra depressione e creatività durante il periodo pandemico è oggetto di studio di un gruppo di ricercatori in Cina.

La pandemia ha avuto un impatto significativo sulla vita delle persone, ha apparentemente aumentato l’incidenza di depressione e creatività.

Lo scopo dello studio cinese è di indagare ulteriormente la relazione e i meccanismi che operano tra depressione e creatività.

Questa emergenza sanitaria pubblica ha innescato significative emozioni negative negli individui, soprattutto sintomi depressivi.

L’isolamento sociale può causare solitudine e disconnessione interpersonale.

Soprattutto per coloro che sono socialmente più vulnerabili, possono crescere sentimenti di esaurimento, ansia, angoscia e trauma, portando a sintomi clinici significativi di disturbi psicologici e un aumento del rischio di depressione.

Fattori di stress come la crisi economica, la minaccia della disoccupazione o la paura di perdere una persona cara possono aumentare ulteriormente il rischio psico-emotivo di stanchezza, depressione, insonnia e solitudine.

Inoltre, sebbene rispondano in modo diverso a seconda del loro stadio di sviluppo, anche i bambini possono sperimentare alti tassi di ansia, depressione e sintomi post-traumatici.

Pertanto, la depressione è stata identificata come uno dei principali disturbi psicologici che emergono negli individui durante la pandemia, influenzando le loro vite e la salute mentale.

Sebbene la depressione  possa influenzare negativamente gli individui, la sua relazione con la creatività è stata di interesse per gli studiosi.

depressione e creatività

Lo studio

Un totale di 881 studenti di un college indipendente in Cina ha completato un questionario composto dalla scala di depressione auto-riferita, scala di comportamento ideativo Runco, scala di resilienza psicologica e informazioni demografiche.

Tra gli intervistati, 317 (36,0%) erano maschi e 564 (64,0%) erano femmine, tutti dello stesso grado. 

Sono state condotte analisi di correlazione, quindi i ricercatori hanno svolto un’analisi di mediazione e sviluppato un modello di mediazione moderato.

I risultati hanno indicato che la depressione era positivamente correlata alla creatività, la resilienza psicologica ha mediato la relazione tra depressione e creatività.

I risultati suggeriscono che depressione e creatività sono in relazione tra loro, nel dettaglio, la depressione è un predittore positivo della creatività e può promuovere la creatività in una certa misura.

Inoltre, gli individui con una maggiore resilienza psicologica sono più creativi di quelli con meno resilienza psicologica, poiché si tratta di sapere se possono e in che misura possono utilizzare efficacemente la depressione come risorsa emotiva.

Questi risultati fanno avanzare la comprensione dei meccanismi che operano tra depressione e creatività.

 

Leggi anche: Gioco e creatività nei bambini

 

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *