Città a misura di caldo

Città a misura di caldo. Cosa significa?

Le ondate di caldo che investono i centri urbani provocano situazioni di sofferenza ai cittadini che li abitano.

Le città di Vancouver, Portland e Seattle hanno visto morire centinaia di persone durante un’ondata di caldo di tre giorni.

In un editoriale scritto dalla rivista Nature  si rileva come il 29 giugno, il villaggio canadese di Lytton ha toccato quasi i 50 °C, un sorprendente aumento di quasi 5 °C rispetto al precedente massimo nazionale.

L’aumento delle temperature globali e il conseguente aumento di caldo estremo determinano nelle città situazioni di difficile gestione, tanto da porre la questione delle città a misura di caldo.

Il caldo ha sempre rappresentato una minaccia per la vita urbana, con superfici che assorbono il calore come l’asfalto che inviano il mercurio alle stelle. 

Ma il cambiamento climatico significa che le ondate di calore ora si verificano più frequentemente e sono più intense che in passato”.

Questo è uno dei rischi più sottovalutati del cambiamento climatico.

E sebbene il caldo possa uccidere ovunque, il rischio è maggiore nelle città.

“Uno studio presentato a una conferenza lo scorso dicembre stima che l’esposizione delle persone al calore estremo in più di 13.000 città è più che raddoppiata tra il 1983 e il 2016” scrive ancora Nature.

Un altro studio pubblicato l’anno scorso ha stimato che le temperature dell’aria in due città: Jacobabad nel sud del Pakistan e Ras Al-Khaimah negli Emirati Arabi Uniti, hanno già superato i limiti di sopravvivenza del corpo umano nei giorni più caldi e umidi.

L’espressione città a misura di caldo si traduce in nuovi modelli di ricerca architettonica.

I ricercatori sul clima hanno a lungo avvertito che il riscaldamento globale rende molto più probabili le ondate di calore come quella osservata in Nord America quest’anno.

Ciò si traduce in una nuova esigenza urbanistica, che possa disegnare nuoce città a misura di caldo.

Gli architetti – urbanisti devono lavorare di più per incorporare il calore estremo nelle strategie di adattamento climatico.

Come agire.

L’idea nota come “tetti freddi”, che sono dipinti di bianco o ricoperti di materiali che riflettono l’energia che assorbono meno calore, riesce a ridurre le temperature all’interno degli edifici di 2-5 °C rispetto alle coperture convenzionali.

Ma tali soluzioni climatiche devono essere implementate in modo efficace ed efficiente su scala cittadina affinché abbiano un impatto significativo.

“E perché ciò accada, i governi devono richiedere all’industria delle costruzioni di incorporare la mitigazione del calore nei loro progetti di costruzione attraverso programmi di certificazione degli edifici ecologici. Anche l’erogazione di sussidi per gli edifici verdi è un’opzione. A Barcellona, ​​in Spagna, ad esempio, le autorità stanno sovvenzionando il 75% dei costi di 10 nuovi progetti di tetti verdi in città”.

Allo stesso tempo, le città a misura di caldo si dovrebbero indirizzare verso la mitigazione del calore per le persone più colpite dal caldo.

Ciò include le persone dei quartieri a basso reddito, che storicamente sono state spesso private di parchi, strade alberate e altri spazi verdi che sono una componente comune delle aree più ricche.

città a misura di caldo

Gli studi dimostrano che le politiche urbane storiche hanno esposto le comunità di colore a un rischio maggiore di malattie o morte legate al caldo rispetto alle persone nei quartieri prevalentemente bianchi.

In Europa si fa un primo passo verso le città a misura di caldo.

Pioniere del concetto “equità del calore” è Parigi, dove i funzionari stanno costruendo una rete a livello cittadino di “isole di raffreddamento“, che includono spazi come parchi e piscine.

Nel frattempo, Medellín in Colombia ha preso di mira le aree a basso reddito della città per piantare alberi; più di 10.000 alberi sono stati piantati lungo 36 “corridoi verdi”, con una riduzione di 2 °C delle temperature superficiali, il verde urbano rende le città, città a misura di caldo.

Questa settimana, i sindaci di 31 città della rete globale di città C40 che lavorano per combattere il cambiamento climatico si sono impegnati a garantire che, entro il 2030, il 70% dei residenti delle città possa accedere a uno spazio pubblico verde o blu con non più di 15 minuti a piedi o in bicicletta”. 

Di fronte a un futuro con ondate di calore più lunghe, più calde e più frequenti, le città devono intensificare la loro pianificazione per il caldo estremo, per fronteggiare il problema e diventare città a misura di caldo.

 

Leggi anche: Natura interiore” il questionario per un futuro green

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *