Dormire in viaggio

Dormire in viaggio, che sia un viaggio di lavoro o di vacanza, mostra non poche difficoltà per un numero cospicuo di persone.

Dormire in viaggio, in altre parole, potrebbe rappresentare un problema, fino a compromettere la lucidità e la concentrazione necessaria.

In che modo il viaggio può disturbare il sonno?

salutebuongiorno canale youtube

Sebbene il viaggio possa portare a esperienze nuove ed entusiasmanti, porta anche potenziali svantaggi. 

Molte persone scoprono di non riuscire a dormire  durante il viaggio, rendendo più difficile godersi appieno il viaggio.

Il viaggio, infatti, può portare stress sia fisico che mentale, che può portare a difficoltà elevate del dormire in viaggio, come mal di testa, perdita di sonno e altri tipi di disagio.

Numerosi aspetti possono contribuire al non dormire in viaggio.

La rivista Sleep Foundation redige un piccolo elenco di questi malesseri:

  1. Paura di volare o altri tipi di viaggio.
  2. Ansia per i problemi che sorgono durante un viaggio.
  3. Lo stress associato all’imballaggio, all’arrivo puntuale e ad altri aspetti logistici
  4. Lunghe giornate di viaggio.
  5. Ritardi o interruzioni dell’itinerario.
  6. Incapacità di dormire durante il viaggio, ad esempio stando seduti in posizione eretta in aereo, treno o auto.

Ma sembra che la disritmia rappresenti il problema maggiore del dormire in viaggio.

Il jet lag è un disturbo del sonno a breve termine che può verificarsi dopo voli a lunga distanza che attraversano tre o più fusi orari.

All’arrivo, il ritmo circadiano di una persona è ancora ancorato al fuso orario di casa, creando un disallineamento con l’ora locale a destinazione.

Non riuscire a dormire è, dunque, il sintomo maggiore.

Altri sintomi includono prestazioni fisiche o mentali compromesse, sonnolenza diurna, problemi gastrointestinali e malessere generale.

dormire in viaggio

Che fare?

Gli studi hanno ripetutamente dimostrato che le persone tendono ad avere un sonno peggiore la prima notte che trascorrono in un ambiente sconosciuto.

Questo è stato rilevato per la prima volta nelle cliniche del sonno dove i ricercatori hanno scoperto un consistente “effetto prima notte”.

Il sonno  di solito migliora dopo la prima notte, ma potrebbe non essere sempre così quando si viaggia. 

Se gli alloggi hanno un materasso scomodo o luce o rumore in eccesso, potrebbe essere difficile ottenere un riposo ininterrotto.

Sfoltire l’agenda dagli impegni.

Seppur sia comune riempire le giornate di impegni in vacanza, per visitare più luoghi possibili, d’altro canto è bene concedersi il giusto riposo, soprattutto, se si si soffre di problemi a dormire in viaggio.

Importante, ancora, è mantenere un buono stato di idratazione corporea e alimentarsi bene, senza eccedere in cibi grassi e fritti.

Il viaggio è spesso considerato come una gradita pausa dalla normale routine, ma i cambiamenti alle abitudini consolidate possono avere un ruolo nei disturbi del sonno.

I viaggiatori possono essere inclini a bere più alcol o mangiare pasti più pesanti del normale, entrambi i quali possono avere effetti negativi sui modelli di sonno.

Proviamo insomma a non interrompere la cura di noi stessi.

La privazione del sonno può rallentare i tuoi pensieri, renderci sonnolento durante il giorno, causare irritabilità e diminuire il tuo livello di energia.

 

 

Leggi anche: Alcol prima di dormire? Rischi insonnia e apnea notturna

 

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *