Tatuaggi all’hennè: sono sicuri?

I tatuaggi all’hennè sono temporanei e si usano per decorare qualsiasi parte del corpo, incluse il viso e il contorno occhi.

I tatuaggi all’hennè hanno la durata di un giorno fino a raggiungere una settimana, e li usano molto anche i bambini.

Esistono due tipi di tatuaggi  per decalcomanie: l’immagine della decalcomania viene rimossa dal supporto bagnandola e l’immagine viene quindi applicata direttamente sulla pelle.

Altri tipi di tatuaggi all’hennè, invece, hanno un supporto che aderisce alla pelle, creando una barriera parziale o completa tra la pelle ei coloranti utilizzati nell’immagine.

La differenza è importante, perché non tutti i coloranti sono noti per essere sicuri per l’uso sulla pelle. 

tatuaggi all'hennè

Mentre un supporto adesivo può proteggere la pelle da colori non approvati, potrebbero esserci altri ingredienti sulla o nella decalcomania per aiutare l’immagine ad aderire meglio al supporto o alla pelle che possono causare problemi ad alcune persone.

Per quel che riguarda l’henné, esso è un colorante ricavato da una pianta, è approvato solo per l’uso come tintura per capelli. 

Non è approvato per l’applicazione diretta sulla pelle, come nel processo di decorazione del corpo noto come mehndi. 

Questo uso non approvato di un additivo colorante rende questi prodotti adulterati.

A parlarne è una scheda informativa sui tatuaggi all’hennè sul sito U.S. Food &Drug .

Poiché l’henné produce tipicamente una tinta marrone, arancio-marrone o bruno-rossastra, è necessario aggiungere altri ingredienti per produrre altri colori, come quelli commercializzati come “henné nero” e “henné blu”.

Anche le tonalità marroni dei prodotti commercializzati come henné possono contenere altri ingredienti destinati a renderle più scure o a far durare più a lungo la macchia sulla pelle.

tatuaggi all'hennè

L’ingrediente extra usato per annerire l’henné è spesso una tintura per capelli  a base di catrame di carbone contenente p-fenilendiammina (PPD), un ingrediente che può causare reazioni cutanee pericolose in alcune persone. 

Questo è il motivo per cui le tinture per capelli hanno una dichiarazione di cautela e le istruzioni per eseguire un “patch test” su una piccola area della pelle prima di usarle.

Per legge, la PPD non è consentita nei cosmetici destinati ad essere applicati sulla pelle.

Il sito conferma l’insorgere di reazioni allergiche cutanee ai tatuaggi all’hennè.

Alcune reazioni hanno portato le persone a rivolgersi a un medico, comprese le visite ai pronto soccorso degli ospedali. 

Le reazioni ai tatuaggi all’hennè possono verificarsi immediatamente dopo che una persona ha ricevuto un tatuaggio temporaneo, o anche fino a due o tre settimane dopo.

 

Leggi anche: Doccia le regole per non disidratare la pelle

 

 

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *