Amore: comunicazione e benessere

Amare è un modo di comunicare, ma cosa ci fa sentire amati e che cosa intendiamo per amore provato?

Amare e sentirsi amati in età adulta significa, da un punto di vista psicologico, sviluppare modelli che concernono il contesto sociale e specifici schemi cognitivi.

Schemi cognitivi che individuiamo come aspettative e preferenze riguardo alle relazioni che ci guidano nell’esperienza dell’esperienza interpersonale.

La rivista scientifica Plos One ha pubblicato una ricerca che descrive e analizza un nuovo quadro metodologico per districare i molteplici percorsi che le persone si aspettano susciteranno sentimenti d’amore negli altri. 

Scrivono gli autori: “Il lavoro empirico si è finora prevalentemente concentrato sullo studio  di questo sentimento come concetto prototipo, indagando le sue tassonomie o rintracciando le sue radici biologiche.

Le domande di ricerca si concentrano più spesso sul romanticismo, e la maggior parte degli strumenti di misurazione sono tipicamente sviluppati anche per l’amore romantico o passionale.”

amore

La nuova indagine si concentra, invece, sulle relazioni interpersonali nel contesto del benessere: amare come indagine del sentimento di essere amati dalla prospettiva che l’amore sentito è una componente del benessere quotidiano. 

La ricerca introduce il concetto di amore sentito nel contesto dell’obiettivo generale di misurare gli elementi multidimensionali del benessere, comprese le relazioni positive, le emozioni positive, l’impegno e la realizzazione, nella vita di tutti i giorni.

Questo sentimento può essere definito come il grado in cui un individuo è ricettivo ai segnali d’amore nelle interazioni interpersonali.

Per misurare il livello del sentimento provato di una persona, dobbiamo essere in grado di rispondere alla domanda: cosa fa provare amore alle persone?

“Il nostro approccio pragmatico alla misurazione dell’amore sentito può essere pensato in termini di comunicazione d’amore, cioè l’invio e la ricezione di segnali ”.

Ci avviciniamo all’amore sentito come parte di un processo di comunicazione in cui un mittente proietta il proprio affetto, attraverso un mezzo forse rumoroso, e un destinatario interpreta questi segnali.

amore

L’interpretazione, a sua volta, genera la sensazione interna di essere amati nel ricevente.

Per avere successo, tale comunicazione richiede consenso su quali azioni esprimono questo sentimento, proprio come la comunicazione verbale richiede consenso sulle parole e sui loro significati. 

Come conseguenza, credenze condivise, cioè idee culturali e definizioni di azioni d’amore, giocano un ruolo cruciale nella capacità di una persona di provare amore. 

Secondo la teoria dell’attaccamento degli adulti, le preoccupazioni sulla qualità delle nostre relazioni interpersonali evocano l’ansia che modella il nostro stile di attaccamento adulto. 

Nello studio citato, gli aspetti cognitivi di questo sentimento vengono messi a fuoco esplorando le sovrapposizioni nei giudizi delle persone su quando ci si aspetta di percepire l’amore.

amore

Sebbene alcune misure di benessere includano già domande come “Quanto ti senti amato”, gli elementi e gli esempi specifici che evocano il sentimento sentito non sono stati studiati sistematicamente. 

La ricerca ha scoperto che, di fronte all’incertezza, le donne intervistate e le persone nelle relazioni giudicano più frequentemente gli scenari come indicatori di sentimento percepito. 

 Molti elementi di questo studio hanno mostrato che le persone vedono questo sentimento come qualcosa di più di quanto possa essere vissuto in contesti romantici: un sentimento che pervade la nostra vita quotidiana.

“Dall’esame del consenso dedotto sull’intera serie di elementi, risulta che ricevere un complimento, un apprezzamento, un regalo o in generale un atto di gentilezza sono tutti segnali d’amore per la maggior parte delle persone, e questi potrebbero sorgere in qualsiasi tipo di interazione interpersonale di giorno in giorno.

 

Leggi anche: Gelosia. Se si ama da “pazzi” è amore?

 

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *