Sostenibilità: una questione sociale?

Il raggiungimento di una sostenibilità vera equivale non solo a una riduzione globale delle emissioni di carbonio, ma anche a distribuire equamente le soluzioni vantaggiose per una sostenibilità senza creare disparità sociali.

Questa è una delle conclusioni del briefing congiunto Eurofound e Agenzia europea dell’ambiente (AEA), pubblicato.

Il briefing ha esaminato come ottenere soluzioni vantaggiose per distribuire in modo uniforme quella che è considerata una transizione equa.

sentobene gocce auricolari

sostenibilità

Percorrere la strada verso la neutralità climatica significa trarre vantaggio da politiche che riducano sia le emissioni di carbonio che le disuguaglianze sociali e che minimizzino la disuguaglianza degli impatti monetari e massimizzino i co-benefici dell’azione per il clima.

“La riduzione delle emissioni e la riduzione delle disuguaglianze sociali potrebbero essere raggiunte con misure mirate per la sostenibilità, come il miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici o l’investimento nei trasporti pubblici e nelle opportunità per andare in bicicletta ea piedi, mostra il briefing”.

“Questa ricerca mostra che raggiungere la neutralità climatica e affrontare la disuguaglianza sociale può essere fatto con un approccio diretto che cerca di fornire un doppio dividendo per i gruppi a basso reddito e vulnerabili.

sostenibilità

Questo lavoro congiunto di Eurofound e AEA sottolinea l’ampia cooperazione per garantire che la transizione verde dell’Europa sia del massimo beneficio per tutti i cittadini“, ha affermato Ivailo Kalfin, direttore esecutivo di Eurofound.

‘Il raggiungimento di una sostenibilità vera e duratura richiederà di affrontare le disuguaglianze sociali in Europa e oltre.

Il nostro lavoro congiunto con Eurofound mostra che ciò è possibile con un’azione per il clima mirata ed efficace che riduce le emissioni di carbonio e migliora gli ambienti di vita delle persone in un’ottica di sostenibilità“, ha affermato Hans Bruyninckx, direttore esecutivo dell’AEA.

L’inquinamento atmosferico è una delle principali cause di morte prematura e malattie ed è il più grande rischio per la salute ambientale in Europa.

Le malattie cardiache e l’ictus sono le ragioni più comuni di morti premature attribuibili all’inquinamento atmosferico, seguite dalle malattie polmonari e dal cancro ai polmoni.

Nel 2019, l’inquinamento atmosferico ha continuato a causare un onere significativo di morte prematura e malattie nei 27 Stati membri dell’UE: 307.000 morti premature sono state attribuite all’esposizione cronica al particolato fine, 40.400 morti premature sono state attribuite all’esposizione cronica al biossido di azoto, 16.800 morti premature sono state attribuite all’esposizione acuta all’ozono.

 

Leggi anche: Città a misura di caldo

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *