Timidezza: come affrontarla

La timidezza è la tendenza a sentirsi a disagio, preoccupati o tesi durante gli incontri sociali, specialmente con persone sconosciute.

Le persone molto timide possono avere sintomi fisici come arrossamento, sudorazione, battito cardiaco accelerato o mal di stomaco.

Sentimenti negativi su sè stessi, preoccupazione su come gli altri li vedono e una tendenza a ritirarsi dalle interazioni sociali. 

La maggior parte delle persone si sente timida almeno occasionalmente.

La timidezza di alcune persone è così intensa, tuttavia, che può impedire loro di interagire con gli altri anche quando lo desiderano o ne hanno bisogno, portando a problemi nelle relazioni e sul lavoro” parafrasando il Dizionario di Psicologia, la definizione di timidezza ha un ampio ventaglio di correlazioni psicologiche e sociali.

In una interessante intervista a Bernardo J. Carducci, professore di psicologia all’Indiana University Southeast, dove è direttore dell’Indiana University Southeast Shyness Research Institute, il professore, uno dei massimi esperti di timidezza, spiega come sia possibile che la timidezza intralci lo sviluppo sociale delle persone.

Il professor Carducci spiega come innanzitutto questa non rappresenti un tratto negativo della personalità. 

“Non è un difetto di carattere. Non è una malattia”.

È semplicemente una descrizione dell’individuo.

“Quando penso alla timidezza, il modo in cui penso alla timidezza è che implica: la caratteristica del carattere della timidezza implica un’eccessiva autocoscienza e un’eccessiva autovalutazione critica negativa.

Diciamo, pensa a stare davanti a uno specchio. Quando ti guardi davanti a uno specchio – non mi interessa chi sei – la maggior parte delle persone non dice “oh mio dio, quanto sono bella”.

La prima cosa che fanno quando si guardano allo specchio è che si agghindano. Si concentrano sui capelli, si aggiustano cravatta e colletto, si concentrano sui loro difetti perché uno specchio ti rende impacciato e se sei impacciato ti concentri sulle tue caratteristiche negative. 

Quindi diciamo, pensa alle persone timide come se avessero uno specchio davanti a loro tutto il giorno, in particolare nelle situazioni sociali.

Ecco cos’è la timidezza, ecco cos’è la timidezza. È una valutazione autocritica negativa”. 

Il problema di questa caratteristica caratteriale è che essa agisce da freno inibitorio, privando le persone di ciò di cui hanno bisogno, perché queste persone timide tendono ad autocontrollarsi eccessivamente.

timidezza

Qual è la differenza tra timidezza e introversione?

Bernardo Carducci, spiega come intercorra una profonda differenza tra introspezione e timidezza.

“Se pensi alla timidezza e all’introversione, potrebbero sembrare molto simili. 

Quindi a una festa, come situazione sociale, vedrai una persona timida e introversa contro il muro. 

La grande differenza è che l’introverso preferisce essere lì.

Preferiscono essere lontani – leggermente ritirati dalla situazione sociale – in particolare la stimolazione sociale lo consente.

 Le persone timide stanno in piedi contro quel muro perché sentono di doverlo fare. 

Non sanno cos’altro fare. 

Le persone timide hanno più cose in comune con l’estroversione che con l’introversione.

Le persone timide vogliono davvero essere socievoli.

Vogliono stare con altre persone.

Andranno alle feste, andranno nei club, andranno nei bar. 

Il problema è che si presentano, non sanno cosa fare.

Il grande errore che fanno le persone timide è pensare che quando iniziano una conversazione, devono essere brillanti. 

Che devono essere spiritosi. 

Che hanno solo una possibilità per questo. 

“E se non hanno quella linea di apertura dinamica è finita per loro.

Invece di avere quel tipo di pensiero, cerca di parlare con molti tipi diversi di persone per periodi di tempo molto brevi.

Ma quando parli con molte persone diverse per periodi di tempo molto brevi, ti togli la pressione.

 Inoltre, quando parli con molte persone diverse per brevi periodi di tempo, inizi a essere percepito come il tipo di persona che può parlare con molti tipi diversi di persone e, cosa più importante, molte persone possono parlare con te”.

“E poi, quando sei a una funzione sociale, sii il facilitatore sociale invece di concentrarti su te stesso, concentrati sulle altre persone”.

 

Leggi anche: Rabbia e timidezza: la “strana coppia”

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *