fbpx

La camera da letto ideale per dormire  

L’organizzazione dello spazio della camera da letto influisce sulla nostra qualità del sonno.

In altre parole, è fondamentale, per dormire costantemente, creare una camera da letto che riesca a favorire il dormire.

Progettare una camera da letto ideale per dormire bene equivale a valutare fattori determinanti per il sonno e la sua igiene, quali design visivo, illuminazione, suoni e odori.

sponsor salutebuongiorno

Sleep Foundation, dedica a quest’argomento un ampio articolo, in cui si elabora una vera guida per una camera da letto adatta al riposo.

Partendo dal design degli interni, scrive la Fondazione del Sonno americana: “Le pareti, i pavimenti, i mobili e la biancheria da letto contribuiscono tutti alla combinazione di colori della tua camera da letto.

È importante enfatizzare i colori che ti fanno sentire a tuo agio prima di dormire.

Per la maggior parte delle persone, questi sono colori più morbidi e caldi, ma puoi scegliere i colori che ti piacciono di più”.

Per gli affittuari o le persone con un budget limitato, potrebbe non essere possibile rifare completamente la combinazione di colori nella tua camera da letto; tuttavia, è possibile, in questi casi, accentuare in modo creativo determinati colori con biancheria da letto ben posizionata, un tappeto o un dipinto della parete.

L’utilizzo dello spazio verticale o dello spazio sotto il letto può sfruttare al meglio anche una piccola camera da letto, liberando spazio sul pavimento che può essere utilizzato per mobili pratici, come un comodino, o per dare alla stanza un aspetto più arioso.

Importante è anche ridurre il disordine.

Il disordine visivo può generare stress , che è un noto ostacolo alla qualità del sonno.

Gli oggetti disorganizzati nella camera da letto possono rafforzare la sensazione di avere troppi “punti in sospeso”, generando sentimenti di ansia che possono rendere più difficile rilassare la mente quando vuoi addormentarti.

La camera da letto dovrebbe essere accogliente, il modo migliore per coltivare questa sensazione è molto personale. 

La luce è il segnale più potente per il ritmo circadiano.

L’illuminazione, inclusa una lampada da comodino, non dovrebbe essere troppo intensa.

L’illuminazione con una temperatura di colore e un illuminamento bassi può rendere più facile sentirsi assonnati e assopirsi.

Il rumore esterno può causare frequenti risvegli, e queste interruzioni sono state legate a livelli ridotti sia della qualità del sonno che della salute generale.

Se il rumore esterno è fuori dal tuo controllo, una macchina per il rumore bianco può aiutare a soffocare i suoni. 

Avere i giusti profumi nella camera da letto può essere un vantaggio per il sonno.

camera da letto

Sebbene gli odori di solito non inducano le persone a svegliarsi dal sonno, possono aiutare a coltivare un ambiente rilassante per ottenere un riposo di qualità.

“Gli studi hanno scoperto che l’aromaterapia con oli essenziali come la lavanda può favorire il rilassamento e rendere più facile dormire bene la notte”.

La temperatura della camera da letto dovrebbe essere confortevole, di solito tra i 60 ei 71 gradi Fahrenheit (da 15,6 a 22,0 gradi Celsius). 

Il calore eccessivo può disturbare il sonno, quindi la maggior parte degli esperti suggerisce di dormire sul lato della camera da letto più fresca .

camera da letto

Garantire un’adeguata ventilazione ed evitare l’umidità in eccesso può combattere la crescita di muffe e una pulizia regolare può ridurre drasticamente gli acari della polvere.

Oltre al materasso, i cuscini, le lenzuola e le coperte svolgono un ruolo importante nel rendere il letto comodo.

 “I cuscini possono prevenire il dolore al collo mantenendo la testa e la colonna vertebrale correttamente allineate e la biancheria da letto può creare una sensazione morbida e accogliente mentre aiuta a gestire la temperatura corporea.

Lavare regolarmente la biancheria da letto mantiene il letto fresco e riduce il potenziale accumulo di polvere e allergeni”.

 

 Leggi anche: Sonno: igiene e nuove frontiere

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *