Zucchero nel caffè: una revisione

Mettere lo zucchero nel caffè è un’abitudine e un gusto, ma è giusto monitorare il corretto dosaggio degli zuccheri nell’arco di una giornata.

Lo zucchero nel caffè, infatti, se da un lato è fonte di energia, dall’altro potrebbe, se esageriamo, contribuire a stati di sovrappeso e obesità e affaticare il corpo.

Secondo la National Coffee Association , circa il 62% degli americani dichiara di bere caffè ogni giorno.

sponsor salutebuongiorno

Una potente fonte di caffeina ad alto potere calorifico, ma non è solo l’assunzione di caffeina che dovrebbe essere monitorata.

C’è una differenza tra lo zucchero nel caffè e quello presente negli alimenti.

Lo zucchero aggiunto al caffè non è lo stesso degli zuccheri naturali che si trovano negli alimenti che contengono carboidrati come frutta, verdura, cereali e latte, per esempio. 

Lo zucchero nel caffè è un alimento raffinato.

Gli zuccheri raffinati  sono versioni trasformate di zuccheri naturali.

Gli esempi includono lo sciroppo di mais derivato dal mais e lo zucchero semolato (noto anche come zucchero da tavola) derivato dalla canna da zucchero. 

Questi alimenti sono stati trasformati in modo che rimanga solo lo zucchero, secondo l’ MD Anderson Cancer Center .

In che modo lo zucchero nel caffè influisce sul corpo?

zucchero nel caffè

I nutrienti come fibre, proteine, vitamine e minerali svolgono ruoli essenziali nel corpo.

Lo zucchero non è un nutriente necessario per la tua dieta, secondo Harvard Health Publishing . 

Sebbene lo zucchero possa aumentare temporaneamente i livelli di energia, non è sostenibile a causa delle fluttuazioni dei livelli di zucchero nel sangue.

“Lo zucchero viene assorbito dal flusso sanguigno.

Ciò si traduce in un picco dei livelli di zucchero nel sangue che fornisce una rapida esplosione di energia, ma è di breve durata e seguito da un crollo quando i livelli di zucchero nel sangue scendono”, afferma Jennifer Schlette, RD , dietista registrata e coach della salute della nutrizione integrativa, per la rivista Livestrong.

“Questo picco e il successivo crollo dei livelli di zucchero nel sangue possono essere rischiosi per le persone con diabete o altre condizioni legate alla glicemia, ma per la popolazione generale non è considerato dannoso” continua la nutrizionista.

L’eccesso di zucchero può influire sulla salute del cuore in molte diete. 

L’obesità dovuta a diete ricche di zuccheri è associata a pressione alta, infiammazione cronica, aumento dei trigliceridi e livelli elevati di colesterolo. 

“Troppo zucchero aumenta anche il rischio di malattie cardiache, secondo la Cleveland Clinic” prosegue Livestrong.

Le linee guida dietetiche per gli americani raccomandano di limitare il numero di calorie dagli zuccheri aggiunti a non più del 10 percento al giorno.

L’ American Heart Association (AHA) raccomanda che le persone a cui è stato assegnato un maschio alla nascita non assumano più di 9 cucchiaini (36 grammi o 150 calorie) di zucchero aggiunto al giorno e le persone assegnate a una femmina alla nascita abbiano un massimo di 6 cucchiaini da tè (25 grammi o 100 calorie) al giorno.

 

Leggi anche: Tè nero ricco di antiossidanti ma attenti alla caffeina

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *