Danzaterapia: effetti sulla psiche e benefici

Danzaterapia è un termine che indica una semplificazione linguistica del termine corretto di danza/terapia del movimento così come definita dall’American Dance Therapy Association.

La danzaterapia è, in altre parole, un uso psicoterapeutico del movimento affinché si promuova integrazione emotiva e sociale e si migliori la salute e il benessere della persona.

La storia della danzaterapia inizia negli anni ’40, quando alcuni ballerini iniziarono a interpretare la danza come un vantaggio curativo.

La danzaterapia, così come da approccio olistico, si fonda sull’affermazione empiricamente riconosciuta, della connessione mente – corpo.

La danzaterapia, in altre parole, parte dall’assunto che il movimento, in quanto forma di comunicazione, possa aiutarci a modulare emotività e gli aspetti del corpo e quelli cognitivi.

Comunicazione non verbale, la danza, aiuta a migliorare la consapevolezza che la persona ha del proprio corpo, della mente e del comportamento, e accedere con più facilità a sentimenti e sensazioni autentiche.

Non si tratta di un allenamento fisico, ma una vera e propria esperienza sensoriale, adatta a tutte le età e che, nel dettaglio, aiuta la comunicazione, la socialità, l’esperienza emozionale intrapersonale.

danzaterapia

In soggetti anziani la danzaterapia aiuta motricità e socialità, nei bambini, per esempio, è indicata per attivare processi di esternazione di sentimenti, o ancora nella fase adolescenziale la danzaterapia migliora il superamento di meccanismi di difesa come ancora negli adulti, nel superamento di un trauma.

La danzamovimentoterapia promuove il benessere generale della persona favorendo sblocchi emotivi, riesce, quindi, ad agire anche su condizioni complesse che compromettono la salute della persona, quali depressione, disordini alimentari, sindrome da deficit di attenzione e iperattività.

Il Blog InSalute riporta che secondo una pubblicazione del 2019,  “nelle persone che praticavano la danzaterapia sono stati riscontrati livelli più bassi di depressione e ansia, oltre a un aumento delle abilità fisiche (camminare, girarsi e stare in equilibrio).

danzaterapia

Nelle donne con disturbi alimentari, la danzamovimentoterapia aiuterebbe a migliorare l’immagine di sé, come ha dimostrato un piccolo studio del 2020.

L’efficacia è maggiore quando la DMT è svolta in combinazione con altri trattamenti tradizionali, come la terapia della parola”.

Questa pratica indica la possibilità di esprimere le proprie emozioni liberamente, alleviare lo stress, oltre a contribuire al miglioramento e al mantenimento della forma fisica, così come a quello generale delle capacità motorie.

Ha effetti benefici sia la fiducia che sull’autostima.

 

Leggi anche: 5Ritmi la danza liberatoria che “muove” l’anima

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *