Gas naturale liquefatto (GNL)

Il gas naturale liquefatto è una combinazione di idrocarburi con una componente maggioritaria di metano che lo costituisce per più del 90%, e altre componenti quali butano, propano ed etano.

Il processo per cui otteniamo il gas naturale liquefatto (GNL) è chiamato d’estrazione poiché viene propriamente estratto da giacimenti presenti al di sotto della superficie terrestre per poi essere sottoposto a un procedimento di liquefazione che avviene a una temperatura di 162°, procedimento che riduce il volume del gas di 600 volte all’incirca.

Il gas naturale liquefatto è un carburante sostenibile che potrebbe rappresentare un’alternativa valida per l’autotrasporto.

Il report del 2021 di Global Energy Review indica il settore dei trasporti come responsabile principale delle emissioni dirette di CO2.

La combustione del carburante rappresenta il 24% delle origini dell’inquinamento atmosferico, e guardare ad altre fonti di combustibili è una priorità ecologica e sociale.

gas naturale liquefatto

Carburante ecologico, il gas naturale liquefatto, è oggi utilizzato nel settore dei mezzi pesanti, nel dettaglio, in Italia il suo utilizzo principale si destina al trasporto marittimo e specifiche utenze industriali.

Indicare il gas naturale liquefatto come alternativa per l’autotrasporto si traduce nell’ipotesi dell’utilizzo di un carburante eco, pulito, che non danneggia la salute delle persone e quella dell’ambiente naturale.

Zero polveri sottili, il GNL è responsabile di una produzione di anidride carbonica evidentemente inferiore se confrontato con altri combustibili fossili.

Altro dato interessante riguarda la contaminazione del suolo, il gas naturale liquefatto, infatti, ha una densità inferiore dell’acqua che lo fa galleggiare, ciò determina l’incapacità del gas di contaminare falde acquifere e produrre rifiuti pericolosi per l’ambiente.

Un risparmio ingente dal punto di vista dei costi per l’ambiente, il GNL si delinea come carburante dal profilo ecologico, in grado di ridurre le emissioni di CO2 e l’impatto sulla salute delle persone.

 

Leggi anche: Nanotecnologia: il futuro dell’agricoltura?

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *