Pro e contro della carne vegetale

Il contributo che arriva da nuovi studi sui regimi alimentari vegano e vegetariano ci aiuta a redigere quel che possiamo definire pro e contro della carne vegetale.

La rivista Nutrition & Dietetics ha, infatti, pubblicato uno studio su pro e contro della carne vegetale, valutando analoghi della carne ed effetti sulla salute.

La carne vegetale offerta dal mercato gode di caratteristiche diverse che non è possibile generalizzare.

salutebuongiorno canale youtube

Possiamo, infatti, trovare preparati su base di legumi e verdure oppure dei composti di derivati della soia, seitan e muscolo di grano.

pro e contro della carne vegetale

Pro e contro della carne vegetale sono individuabili in primo luogo nella sostenibilità di questi alimenti da un lato, mentre dall’altro, così come redarguisce la ricerca citata, presentano una quantità maggiore di sale e zuccheri.

Se il seitan, un derivato proteico del farro, contiene 1 gr di sale per 100 gr di prodotto, d’altro canto l’OMS indica come raccomandazione per la salute una soglia di 5 gr di sale al giorno.

Continuiamo con i pro e contro della carne vegetale facendo un focus sui derivati della soia.

Il tempeh, cibo fermentato, si ricava dai fagioli di soia gialla ad opera del fungo Rhizopus Oligosporus, presente in commercio, spesso, affumicato e arricchito di aromi e spezie.

Così come nota la ricerca su pro e contro della carne vegetale, a rendere un alimento più o meno salutare non è un singolo elemento, ma la frequenza del suo consumo e il suo insieme di qualità.

pro e contro della carne vegetale

I sostituti della carne sono prodotti ultra lavorati, arricchiti di sale e spezie e, così come notano i ricercatori: “La maggior parte degli analoghi della carne erano anche ultra-lavorati e pochi sono arricchiti con micronutrienti chiave presenti nella carne”.

Rimane importante informarsi attraverso l’etichetta presente sul prodotto, sugli ingredienti di quel che stiamo comprando.

La carne vegetale non è un alimento sano di per sé, bisogna tener conto dei conservanti utilizzati per la sua conservazione, dei coloranti, di ingredienti supplementari usati per aumentarne sapore e appetibilità.

Leggi anche: Cosmetica vegana: “conscious is cool”

 

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *