Frullato o centrifuga?

Che sia il frullato, la centrifuga o l’estratto, questi alimenti, benché salutari, non possono sostituire un pasto e non sono dietetici.

Alimenti dietetici tout court in realtà non esistono, poiché la regolazione del peso dipende dalla qualità della nostra alimentazione, dalla sua varietà e da un buon esercizio fisico.

Le differenze tra frullato, centrifuga ed estratto dipendono essenzialmente dall’apparecchio che si utilizza, dalla sua potenza- velocità e dalla sua qualità.

Il frullatore che si utilizza per la preparazione del frullato dovrebbe essere dotato di una buona potenza. Questo tipo di alimento riesce a conservare tutti i nutrienti della frutta oltre che le fibre.

frullato

Il problema dell’ossidazione del nostro alimento riguarda tutti i nostri prodotti che siano frullato, centrifuga o estratto.

La deperibilità della frutta e la potenza del nostro apparecchio sono fattori da valutare.

Nel caso del centrifugato, ad esempio, la macchina che va a 18mila giri al minuto, tende a surriscaldarsi e quindi ciò provocherebbe un’ossidazione del nostro alimento, causa della perdita dei suoi principi nutritivi.

Si consiglia, per questa ragione, di berlo subito senza aspettare o conservare l’alimento.

È, invece, una macchina a vite capace di setacciare la verdura e la frutta, il macchinario che prepara un buon estratto .

Questa macchina va a cento giri al minuto e presenta un rischio di ossidazione minore.

Frullato, centrifuga ed estratti presentano, comunque, una buona quantità di fibre, per cui, se ne sconsiglia l’assunzione a chi soffre di problemi intestinali.

La quantità di fruttosio rende questi nostri preparati dei pasti nutrienti, per cui, l’idea diffusa che possiamo abbondare risulta inadeguata a chi intende mantenere un controllo del peso o per chi vuole ridurlo.

frullato

Si pensa, altresì, che frullato o centrifuga possano agire da disintossicanti.

Anche questa idea è essenzialmente sbagliata.

Per disintossicare l’organismo occorre assumere sì vitamine ma all’interno di uno stile alimentare ampio e variegato che preveda l’assunzione di cerali, verdure e legumi.

Anche il carico glicemico è da tenere sotto osservazione: un frullato o un estratto come sostitutivi di un pasto, alzano l’indice glicemico e non ci assicurano il giusto apporto energetico per affrontare il tempo tra un pasto e l’altro.

 

Leggi anche: Frutta e diabete, meglio fresca e con la buccia

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *