Inquinamento atmosferico e la sua incidenza sul Covid-19

Inquinamento atmosferico e Covid -19: uno studio della Fondazione Menarini si è occupato di chiarire un legame, che, per quanto se ne è a conoscenza ad oggi, potrebbe rivelarsi quantomeno preoccupante.

Lo smog, infatti, pur non essendo un vettore del virus SarsCov2 esporrebbe le persone a una criticità maggiore una volta contratto in Nuovo Coronavirus.

Chi è esposto maggiormente a un inquinamento atmosferico invasivo, come le province della zona settentrionale italiana, è evidentemente un soggetto sottoposto a uno stress respiratorio maggiore e di conseguenza, presenta un rischio maggiore di ammalarsi gravemente.

eCommerce Farmad

Come è noto, il virus SarsCov2, secondo quanto dimostrato fino a ora, si trasmette attraverso particelle infettive che, quindi, poco hanno in comune con l’inquinamento dell’aria.

Ciononostante, lo smog, indebolendo l’organismo, lo rende più fragile e più esposto al rischio contagio.

È giunta, comunque, la smentita in merito al ruolo del particolato atmosferico come vettore del virus poiché il particolato, sì può trasportare batteri, pollini e spore così come virus, ma, senza mantenere le caratteristiche infettive a causa di fattori esterni come i raggi UV e la temperatura.

Questa la ragione per la quale non esiste, in scienza, un legame tra particolato e fluttuazione del virus.

L’epidemia fluttua attraverso le persone e non attraverso lo smog, ma l’esposizione all’inquinamento dell’aria e la densità abitativa sono due fattori determinanti nell’impennata dei contagi.

Non a caso, il distanziamento avvenuto durante il lockdown si è rivelato efficace come risposta scientifica alla diffusione della pandemia da Nuovo Coronavirus, incidendo fortemente sul contatto tra le persone e di conseguenza riducendo il rischio di contrarre l’infezione Covid-19.

Si continua a studiare sul legame tra smog e virus perché se ne possa arginare in maniera incisiva la fluttuazione e tutelare la salute dei cittadini.

Leggi anche: https://www.salutebuongiorno.it/2020/06/natura-interiore-il-questionario-per-un-futuro-green/

 

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *