fbpx

Dipendenza dai videogiochi: OMS la dichiara malattia

Da oggi è stata ufficialmente riconosciuta come malattia dai 194 membri dell’organizzazione mondiale della sanità (OMS) , parliamo della dipendenza dai videogiochi argomento che da tanto tempo raccoglie pareri contrastanti.

Secondo l’OMS la dipendenza dai videogiochi è da ritenersi patologica in base ad una serie di comportamenti insistenti e ricorrenti legata in particolar modo al mondo digitale dei videogiochi :

  • Mancanza di controllo sul gioco (es: incapacità di controllare tempo, intensità e frequenza di gioco)
  • Priorità ai videogiochi a tal punto che altri interessi e attività quotidiane vengono messe in secondo piano
  • Persistenza nel videogiocare nonostante il verificarsi di conseguenza negative. Il modello comportamentale è di gravità sufficiente a compromettere in modo significativo la personalità, i rapporti famigliari, sociali, professionali o di qualunque altro tipo

Gli esperti sostengono che i “sintomi” devono manifestarsi in modo continuo per almeno 12 mesi , anche se la durata può variare da caso a caso.

L’OMS dichiara:
L’inclusione del disturbo del gioco in ICD-11 segue lo sviluppo di programmi di trattamento per persone con condizioni di salute identiche a quelle descritte verificatesi in molte parti del mondo, e si traduce in una maggiore attenzione da parte di medici e professionisti della salute sulle misure di prevenzione e trattamento del disturbo.

Sebbene, molte volte proprio il mondo video ludico sia un toccasana per evadere dalla realtà , concedersi un momento di relax , come ogni cosa , se non controllata o utilizzata in maniera esagerata può portare a gravi ripercussioni.
Il mondo digitale dovrebbe essere un modo per unire e divertirsi ma spesso non è cosi, basti pensare anche al “bullismo virtuale” che spesso i giocatori meno esperti (chiamati in termine dispregiativo “noob” ) vengono martellati e tartassati continuamente , cosa che alla lunga può non solo nuocere all’autostima ma anche generare ansia da prestazione , malessere e panico.

E voi cosa ne pensate ?

 

Condividi

Lascia un commento :