fbpx

FOCUS PEDIATRIA Incidenti domestici e intossicazione. Parla il medico

Dott.re Eduardo Ponticiello Dirigente Medico S.C. Pediatria d’urgenza al Santobono- Pausilipon di Napoli, ci spiega gli errori più comuni in cui incorrono i genitori nella conservazione di sostanze tossiche pericolose per i bambini quali detersivi, farmaci e pile, come comportarci in caso di intossicazione e soprattutto come prevenire ogni tipo di contaminazione tossica nei bambini.

 

  • Le intossicazioni acute in età pediatrica, in particolare se in ambito domestico, rappresentano un problema degno di nota, in particolare per un pediatra impegnato nella gestione dell’emergenza/urgenza. Nella sua esperienza, che impatto ha avuto il periodo di “quarantena” stabilito per la diffusione del COVID19 su questo fenomeno?

Le intossicazioni acute rappresentano sempre più un problema pressante nei dipartimenti di emergenza pediatrici sia per morbilità che per mortalità, rappresentando circa lo 0,5 % degli accessi in pronto soccorso pediatrico (nel pronto soccorso del Santobono circa 1000 casi per anno). In età pediatrica l’esposizione a sostanze tossiche è frequente per la naturale curiosità del bambino, soprattutto in epoca prescolare, che lo spinge a portare alla bocca senza discernimento del pericolo, molto spesso e soprattutto i prodotti per igiene domestica sono contenuti in contenitori dai colori sgargianti e sono profumati, questo inevitabilmente attira la curiosità dei bambini. Anche i farmaci, che insieme ai prodotti per igiene domestica costituiscono la quota più ampia dei prodotti coinvolti nelle intossicazioni acute ( circa il 30% dei casi), vengono spesso trovati nelle borse delle mamme o delle nonne, noto territorio “di caccia ”dei bimbi, e vengono assunti vuoi per curiosità o vuoi perché molto spesso i farmaci, pur di somministrarli vincendo la naturale opposizione del bambino ad assumerli, vengono chiamati “caramelle, in fondo per i nostri bimbi è tutto un bel gioco. Di contro bisogna pur dire che a differenza dell’adulto, i volumi della sostanza tossica ingeriti sono decisamente minori, sia per caratteristiche anatomiche (un sorso di un bimbo di età prescolare è circa 5 ml, quello di un adulto circa 25), e sia perché molto spesso si tratta di “un assaggio” e non di ingestione a scopo dimostrativo-suicidario come nell’adulto. Nella mia esperienza la quarantena e la “paura del contagio”, come per tutto il resto della patologia pediatrica, fanno sì che si porti il paziente pediatrico con notevole ritardo all’attenzione dei sanitari, paradigma ne è il caso della bambina deceduta per ingestione di pila a bottone a Bergamo, recata in ospedale con notevole ritardo.

 

  • Se un bambino ingerisce un prodotto di detersione per la casa (ad esempio un detersivo per pavimenti, un disgorgante o l’acqua ossigenata), è necessario raggiungere tempestivamente un Pronto Soccorso? Ci sono provvedimenti da adottare a domicilio?

L’ingestione di un prodotto per l’igiene domestica può essere una condizione estremamente grave in relazione al prodotto in causa. È buona norma innanzitutto guardare sul contenitore quali siano le caratteristiche del prodotto (irritante, caustico, infiammabile etc.) e quantomeno contattare telefonicamente il proprio pediatra, o ancor meglio un centro antiveleni, che ricordiamo svolgono attività di consulto telefonico h 24. Ovviamente il ricorso al pronto soccorso va necessariamente considerato quando si tratta di prodotti dotati di provata tossicità (es. disgorganti, pulitori per forno o water, acqua ossigenata, smacchiatori, pulitori per superfici “dure”). Altri prodotti sono dotati di bassa tossicità o nulla (es. matite contenenti grafite acquarelli pennarelli pennarello cancellabile pastelli a cera evidenziatori, evidenziatori indelebili inchiostro da penna sfera
inchiostro per tampone di timbri i mascara, rossetti, smalto per unghie, trucco per occhi, deodoranti, acqua di colonia, creme a base di ossido di zinco) per le quali non è necessaria alcuna valutazione.
Più che di provvedimenti da adottare a domicilio ci sono pratiche che vanno assolutamente evitate e che invece purtroppo sono ancora spesso messe in atto, come indurre il vomito che in caso di ingestione di caustico determinerebbe un secondo passaggio della sostanza tossica con rischio di raddoppiare il danno, oppure la somministrazione di latte che diluirebbe il caustico con rischio maggiore di contatto con le pareti dello stomaco, o anche la somministrazione di liquidi che in caso di prodotti schiumogeni aumenta il rischio di inalazione, per cui prima di procedere a rimedi fai da te bisogna sempre prima consultarsi con un esperto. Il danno “iatrogeno”, in questi casi, è spesso più considerevole dell’astenersi dal fare.

eCommerce Farmad

 

  • Parliamo delle pile a bottone (le pile di forma circolare contenute ad esempio in orologi e giocattoli): se queste vengono ingerite che rischi comportano per la salute del bambino?

Le pile a bottone meritano una particolare attenzione in considerazione dell’altissimo potenziale lesivo qualora siano ingerite. Tali pile infatti sono a tutti gli effetti un potente caustico, in grado di esplicare il potenziale caustico mediante una fuoriuscita di elettrolita alcalino e necrosi da pressione con creazione di una corrente esterna che determina elettrolisi dei fluidi tissutali generando idrossido al polo negativo della batteria. Le Batterie con diametro > 20 mm hanno elevata capacitanza à generazione di maggiore corrente à maggiore produzione di idrossido. Tali meccanismi possono dare luogo ad un danno approfondito soprattutto a livello esofageo con possibilità di creare una fistola esofago aortica con relativa massiva e fatale emorragia 

 

  • I genitori, una volta scoperto che il proprio figlio/a ha ingerito una pila a bottone, quanto tempo hanno a disposizione per intervenire e come devono comportarsi?

Un genitore che sospetta che il proprio bambino ha ingerito una pila a bottone deve recarsi tempestivamente in ospedale. La presenza di pila a bottone in esofago costituisce una vera e propria emergenza, ed è una delle condizioni in cui l’endoscopia digestiva va prontamente eseguita e con particolare attenzione per la possibilità della fistola esofago aortica, in quanto talvolta è proprio l’endoscopia che può creare massiva emorragia in quanto la pila funge praticamente da “tappo”, nel caso di possibile fistola esofago aortica la pila andrebbe rimossa tenendo il paziente in circolazione extracorporea. Ovviamente più tempestivamente si reca il paziente in ospedale e meno possibilità di realizzarsi questa temibile complicanza ci sono.

 

  • Quali precauzioni consiglia per prevenire incidenti domestici ai danni dei bambini?

Anche in tossicologia ovviamente il primo anello della sopravvivenza è costituito dalla prevenzione. Ci sono alcune regole che andrebbero sempre tenute in considerazione:

  • Conservare i prodotti potenzialmente tossici fuori dalla portata dei bambini
  • Non riporli MAI nelle dispense alimentari
  • Non travasare MAI prodotti non alimentari in confezioni ad uso alimentare
  • Non mescolare prodotti diversi (acido + candeggina)
  • Controllare la tossicità delle piante da appartamento
  • Controllare gli impianti di riscaldamento (prevenzione dell’avvelenamento da monossido di carbonio)
  • Non chiamare MAI le medicine caramelle
    Non assumere e somministrare farmaci senza prescrizione medica
    Controllare nome, posologia e modalità di somministrazione del farmaco
    Conservare i farmaci nella confezione originale
    Non lasciare i farmaci incustoditi

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *