fbpx

Spreco alimentare. Non buttiamo

Spreco alimentare.

Quanto cibo buttiamo in Italia? E soprattutto, come riuscire ad evitare lo spreco?

Lo scorso anno ciascun italiano ha gettato circa 27 kg di cibo.

sponsor salutebuongiorno

Troppo.

C’è però un dato in controtendenza.

Per il 2020 si registrano 3,6 kg di cibo in meno finito in pattumiera, con un calo pari al 12%, 376 milioni di euro risparmiati, circa 6 euro ciascuno risparmiate.

Waste Watcher International Observatory ha pubblicato i dati inerenti allo spreco alimentare.

Ma perché sprechiamo tanto?

Secondo un sondaggio della Waste Watcher International Observatory circa l’85% degli intervistati chiede di rendere obbligatorie per legge le donazioni di cibo, ritirato da supermercati e aziende, ad associazioni che si occupano di persone bisognose, in seguito all’aumento della povertà generato dalla pandemia.

Spreco alimentare

Molti degli alimenti che sprechiamo rientrano nella categoria dei freschi di cui non abbiamo controllato la data di scadenza, questo uno dei motivi principali dello spreco alimentare.

spreco alimentare

 

Si acquista troppo cibo.

Il 29% dei partecipanti al sondaggio dichiara di comprare troppo o, almeno per il 29%, di calcolare male la quantità di cibo che andrà a utilizzare.

Evitare lo spreco alimentare è possibile grazie a piccole pratiche per utilizzare il cibo e gli avanzi.

Gli avanzi

Se abbiamo cotto una quantità eccessiva di verdure, possiamo facilmente riutilizzarle nella preparazione di un minestrone.

Un modo semplice per recuperare molte sostanze salutistiche che possono esserci di aiuto e fra questi sali minerali, vitamine, le fibre.

Possiamo arricchire il nostro minestrone con delle patate o del riso risparmiando sui rifiuti dell’umido.

Riconvertire le mezze carote e le cipolle o i mezzi gambi di sedano in brodo vegetale per preparare un risotto.

Pomodori un po’ secchi e raggrinziti?

Mettiamoli in forno e secchiamoli, conditi con olio extravergine possono condire un piatto di pasta oppure essere un contorno per latticini e formaggi.

Lo spreco alimentare produce sensi di colpa in tutti noi. Per l’84% è un pessimo esempio nei confronti dei giovani e dei figli, per l’83% è semplicemente immorale.

Facciamo in modo che spreco zero non sia solo uno slogan, ma la nostra quotidianità è l’esortazione del progetto anti spreco alimentare.

 

Leggi anche: Spreco alimentare la campagna CosìperNatura

 

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *