Proprietà diuretiche dell’equiseto

Pianta usata in fitoterapia come ottimo alleato dei reni, parliamo delle spiccate proprietà diuretiche dell’equiseto.

Grazie alle proprietà diuretiche dell’equiseto, possiamo contrastare la ritenzione idrica e la cellulite, ma anche salvaguardare la salute del tratto urinario e dei reni.

Equiseto è la denominazione comune della pianta Equisetum arvense L.

I fitoterapici contenuti dai preparati di equiseto triturati sono di norma disponibili in forma di tisana da bere o come infuso o decotto da applicare alla pelle.

Gli altri preparati vegetali di equiseto sono disponibili in forma solida o liquida da assumere per bocca e in forma liquida da applicare alla pelle.

Questa pianta non produce fiori e la sua riproduzione avviene attraverso le spore.

proprietà diuretiche dell'equiseto

Le proprietà diuretiche dell’equiseto sono note fin dall’antichità, si riconducono alla presenza di flavonoidi la cui azione risulta potenziata dalla presenza dei Sali minerali, per cui questa pianta è indicata per risolvere problemi di cellulite, gonfiore, cistiti e ritenzione idrica.

Un documento che approfondisce la proprietà diuretiche dell’equiseto è stato pubblicato dalla Hindawi, rivista di medicina complementare, che così descrive la pianta: “Il suo nome è di origine latina, composto da “equi” (cavallo) e “setum” (coda), cioè coda di cavallo.

La specie più popolare del genere Equisetum ad uso medicinale è E. arvense L., che ha già dimostrato numerose proprietà biologiche, come antiossidante, antitumorale, antimicrobico, miorilassante, anticonvulsivante, sedativo, ansiogeno, antinocicettivo, antinfiammatorio, antidiabetico, diuretico, inibitorio dell’aggregazione piastrinica, promozione della risposta.

proprietà diuretiche dell'equiseto

 Tuttavia, molte altre specie sono anche note per il loro uso popolare e le indicazioni comuni per scopi diuretici e disturbi renali”

Le spiccate proprietà diuretiche dell’equiseto, così come descrive il testo citato, si riconducono alla presenza di silicio.

Il silicio svolge la specifica azione di eliminare le scorie metaboliche quali acido urico, nicotina e urea, depurando efficacemente in questo modo l’organismo.

Oltre alle proprietà diuretiche dell’equiseto, l’ E.arvense risulta un valido trattamento dell’osteoporosi, fatto che è stato ampiamente studiato, principalmente perché contiene una notevole quantità di silicio e la sua ingestione porta all’assorbimento e all’utilizzo del calcio e alla formazione di collagene.

 

Leggi anche: Rosa Canina vitamina C e protezione per il cuore

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *