Festival DiverCity 2022: un cambiamento per le città

Il Festival DiverCity torna con la sua quinta edizione accolto da BASE Milano; topic del 2022 “Rest” restare, resistere, restituire.

Il Festival DiverCity nasce nel 2018 grazie al lavoro creativo di Dr Andi Nganso che lo ha fondato con l’obiettivo di porsi come vettore comunicativo sulla coesistenza di identità differenti lasciando campo alla loro espressione culturale.

Il Festival DiverCity prende forma come spazio di confronto laddove la manifestazione si articola in una serie di incontri e dibattiti sulla diversità.

sponsor salutebuongiorno

Il focus del festival DiverCity sarà sulle rappresentazioni delle persone afro-discendenti e delle BIPOC (black, indigenous, people of color).

Festival DiverCity

Discutere insieme perché sia possibile creare un’onda positiva di cambiamento culturale su vecchi stereotipi e affinché, grazie alle testimonianze e alle esperienze dirette, si possa ridefinire regole di convivenza pacifica tra le culture.
“Il Festival e l’Associazione “DiverCity”, che nasce dall’esperienza concreta di vita dei soci fondatori, ha come principale finalità quella di creare e rafforzare vie per superare tutte le forme di discriminazione, di esclusione e di educare ed ispirare alla celebrazione degli innumerevoli punti di vista che compongono la “Comunità”  scrivono gli organizzatori.

Festival DiverCity
Il Festival DiverCity allora diventa laboratorio permanente educativo e informativo, forma di aggregazione in quanto collega esperienze culturali e arti, con il quid differenziale del potenziale positivo della diversità culturale del nostro mondo.

La kermesse torna a Milano dal 24 al 26 giugno con l’idea di una riscrittura culturale della convivenza tra culture e abbattere ogni barriera discriminante verso le minoranze.

Spazio di rappresentanza che mira, parafrasando “Rest”, a restituire la dignità delle persone come valore imprescindibile di qualsiasi convivenza possibile.

Il Festival DiverCity, sarà attivo al Salone del Mobile, come momento di riflessione sull’accoglienza, la diversità, l’identità di genere.

Workshop, mostre, talk ed eventi per ristabilire un contatto culturale autentico che valorizzi le persone e le loro storie, per quanto lontane.

 

Leggi anche: La discriminazione nello sport

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *