Sviluppo neurale nell’adolescenza e uso dei media

Sviluppo neurale nell’adolescenza e uso dei media rappresentano un imperativo conoscitivo della neuroscienza contemporanea, vista l’ampia diffusione dei dispositivi digitali e la quantità di contenuti multimediali cui giovani donne e uomini accedono quotidianamente.

È necessario, dunque, comprendere come avviene l’elaborazione di questi contenuti multimediali e come si relazionano sviluppo neurale nell’adolescenza e uso dei media.

La vita sociale degli adolescenti, in particolare, sembra avvenire in gran parte attraverso smartphone pieni di amici con i quali sono costantemente connessi, e di conseguenza i media giocano un ruolo estremamente importante nella vita dei giovani di oggi, che crescono con tablet e smartphone, e non ricordano un tempo prima di internet, e per questo vengono chiamati “nativi digitali”.

sponsor salutebuongiorno

sviluppo neurale nell’adolescenza e uso dei media

A spiegare la relazione tra sviluppo neurale nell’adolescenza e uso dei media, una ricerca pubblicata dalla rivista Nature Communications che parte dall’assunto che l’attuale generazione di adolescenti vive in un mondo saturo di media, in cui i media vengono utilizzati non solo per scopi di intrattenimento, come ascoltare musica o guardare film, ma vengono utilizzati sempre più anche per comunicare con i coetanei tramite WhatsApp, Instagram, SnapChat, Facebook, ecc.

“Nel loro insieme – scrivono i ricercatori – queste attività legate ai media comprendono circa 6-9 ore della giornata di un giovane americano, esclusi i compiti a casa e a scuola.

I social media consentono alle persone di condividere informazioni, idee o opinioni, messaggi, immagini e video.

Oggi, tutti i tipi di formati multimediali sono costantemente disponibili attraverso dispositivi mobili portatili come gli smartphone e sono diventati parte integrante della vita sociale degli adolescenti”.

Definita come il periodo di transizione tra l’infanzia e l’età adulta l’adolescenza è una fase dello sviluppo in cui l’influenza dei genitori diminuisce e i coetanei diventano più importanti.

Essere accettati o rifiutati dai coetanei è molto saliente nell’adolescenza, inoltre c’è un forte bisogno di inserirsi nel gruppo dei coetanei e sono fortemente influenzati dai loro coetanei.

sviluppo neurale nell’adolescenza e uso dei media

La ricerca su sviluppo neurale nell’adolescenza e uso dei media evidenzia i sistemi neurali associati a comportamenti importanti per l’uso dei social media, tra cui l’elaborazione della ricompensa sociale, l’elaborazione basata sulle emozioni.

Gli effetti dell’influenza dei pari sono stati ben dimostrati nella ricerca sul processo decisionale degli adolescenti, dimostrando che gli adolescenti corrono maggiori rischi in presenza di pari e quando i pari stimolano l’assunzione di rischi.

“C’è un forte bisogno di studi che verifichino sperimentalmente se la maggiore influenza dei coetanei, possibilmente attraverso lo sviluppo di regioni del cervello sociale, combinata con una forte sensibilità all’accettazione e al rifiuto, renda l’adolescenza un punto di svolta nello sviluppo di come i social media possono influenzare il loro concetto di sé e aspettative di sé e degli altri”.

Lo studio su sviluppo neurale nell’adolescenza e uso dei media in futuro potrà fornire  indicazioni importanti per capire come i media possono avere un impatto sui giovani e chi è più vulnerabile e in quali condizioni.

Leggi anche: Body shaming e la nascita della vergogna

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *