Crono alimentazione: quando mangiare il cioccolato

La crono alimentazione è un modello di comportamento alimentare che è volto a considerare il ritmo sonno- veglia come parte fondamentale del nutrimento.

La nostra alimentazione, infatti, influisce sulla qualità e quantità del sonno e a sua volta si ripercuote sulla nostra minore tolleranza allo stress, alterazioni dell’umore e maggiore suscettibilità alle malattie infettive, metaboliche e cardiovascolari.

“Gli stili di vita sono senza dubbio i principali obiettivi su cui lavorare per mantenere un’armoniosa sincronizzazione tra i nostri orologi endogeni centrali e periferici ei sincronizzatori esterni. Certo, il ritmo circadiano di luce e buio è il sincronizzatore più potente, ma non dobbiamo dimenticare l’altro sincronizzatore fondamentale: il cibo e il digiuno” scrive la rivista Nutrients.

crono alimentazione

Tra gli alimenti riconosciuti dalla crono alimentazione come “riequilibranti” per il nostro ritmo circadiano c’è il cioccolato.

Il cioccolato è, infatti, un alimento che per il suo alto contenuto di flavonoidi, se assunto al mattino, può avere effetti positivi sul nostro benessere mentale e cognitivo, sul nostro sistema cardiovascolare e sul nostro metabolismo. 

Il cioccolato induce anche effetti positivi sull’umore ed è, quindi, spesso consumato spontaneamente in condizioni di stress emotivo.

“I flavonoidi promuovono la sopravvivenza neuronale, la neurogenesi e la plasticità sinaptica, preservando le capacità cognitive durante le fasi dell’invecchiamento” scrivono i ricercatori.

Buoni effetti si riscontrano anche sulla memoria e la concentrazione.

La  letteratura scientifica supporta l’ipotesi che l’effetto benefico del cioccolato si ottenga mangiandone solo in quantità modeste, preferibilmente della varietà fondente, durante le ore di attività della giornata e nelle la prima parte della giornata per evitare problemi di aumento di peso.

crono alimentazione

Il consumo frequente di cioccolato gestito in questo modo potrebbe effettivamente essere associato a un indice di massa corporea inferiore.

La crono alimentazione suggerisce l’assunzione di cacao come strategia cronoterapeutica, che può aiutare ad accelerare il tempo necessario per risincronizzare gli orologi biologici e, quindi, ridurre l’interruzione circadiana causata dal lavoro a turni, dal jet lag e dal jet lag sociale.

Il cibo appetitoso, come il cioccolato, programmato per la colazione è un valido aiuto per mantenere la sincronia circadiana e migliorare il peso corporeo.

“I dati presenti sulla crono alimentazione concordano con la letteratura precedente e indicano che l’effetto termogenico di un alimento ipercalorico come il cioccolato è in realtà diverso a seconda del tempo di assunzione rispetto alla fase di attività-riposo: un’elevata risposta termogenica postprandiale si verifica durante la fase attiva fase, non durante la fase di riposo”.

crono alimentazione

Un pezzo di cioccolato al giorno può anche modulare le oscillazioni circadiane nelle aree cerebrali coinvolte nel sistema di ricompensa, e può anche avere effetti sul comportamento, sull’umore e sulle funzioni cognitive.

L’assunzione di cioccolato ricco di flavanoli a colazione e durante la fase attiva, secondo le regole della crono alimentazione, potrebbe fornire un nuovo strumento economico, rapido e facilmente applicabile a tutte le età per supportare le prestazioni cognitive durante i periodi di privazione del sonno e stress psicofisico così come durante le fasi di desincronizzazione dei ritmi circadiani, con un effetto positivo sull’umore, contribuendo anche a proteggere il nostro sistema cardiovascolare e regolare il nostro metabolismo.

Leggi anche: Fave di cacao la bevanda energetica per la mattina

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *