Fine di una relazione d’amore e nuova coscienza di sé

La fine di una relazione d’amore è senz’altro un momento traumatico.

Il ricordo dell’altra persona, in alcuni casi, sembra sopravvivere nel tempo ma cercare una nuova coscienza di sé può rafforzare la nostra personalità e non farci cadere nel turbine vorticoso di ricordi anche contraffatti dalla nostra emotività.

Il tempo, certo, è necessario per superare la fine di una relazione, fatto che, anche l’antropologa Helen Fisher evidenzia in una sua intervista al Business Insider.

eCommerce Farmad

Il Journal of Experimental Social Psychology, in proposito, ha pubblicato una ricerca che mostra come sia importante attivare un processo di distacco quanto prima per non soffrire troppo.

Una ricerca del 2012 pubblicata dalla rivista Cyberpsychology rileva come la rete Social sia dannosa, soprattutto, se ci trasformiamo in piccoli stalker e scorriamo quotidianamente il profilo dell’ex. Ciò, infatti, aumenterebbe il provare sentimenti estremamente negativi e autodistruttivi.

Perché?

È indubbio che soltanto una nuova percezione di sé può aiutarci nella separazione, un articolo del 2016 su Personality and Social Psychology Bulletin ci descrive come la costruzione in positivo di un nuovo Sé ci sorregge in questo doloroso percorso di separazione che può diventare di autoaffermazione.

Come?

Riuscire a raccontare a terzi la nostra esperienza può aiutarci in una narrazione interiore differente che sappia porre accenti e attenzione a fatti che hanno provocato angoscia e timore e che ci hanno spinto a esplorare zone d’ombra del partner.

Chiudersi nel mutismo non aiuta, ma neppure mettere il “dito nella piaga”.

Scegliere l’amica giusta per chiarire le zone d’ombra personali che la relazione ha sollevato e cercare la ragione del dolore, probabilmente, antecedente alla fine della relazione.

La decisione di “chiudere una storia” rappresenta, in molti casi, l’ultimo atto risolutore di un percorso doloroso se non addirittura drammatico.

Anche l’inizio di un percorso psicoterapeutico ci può aiutare nella comprensione dell’accettazione di una relazione che ci ha fatto soffrire ma anche farci diventare più consapevoli e coscienti.

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *