fbpx

Il percorso detox contro il nichel in eccesso

Il percorso da iniziare per disintossicarci dal nichel accumulato in eccesso nell’organismo, è un processo depurativo indicato a chi soffre di questa intolleranza.

I sintomi dell’intolleranza al nichel non sono sempre espliciti e direttamente riconducibili a questa intolleranza.

Pancia gonfia, crampi all’addome, rossore cutaneo e disturbi gastrointestinali rappresentano la sintomatologia conclamata dell’intolleranza al nichel.

sanywell

Dopo esserci accertati con apposito test di questa insofferenza organica al metallo, il medico consiglierà di eliminare e ridurre drasticamente i diversi alimenti che lo tengono.

Parallelamente però è un consiglio comune intraprendere un percorso disintossicante per eliminare tracce del nichel accumulato dall’organismo.

Si consiglia, per iniziare questo processo detox, preparare un succo di sedano, da bere a digiuno la mattina.

Il sedano, per le sue proprietà diuretiche e depurative, si presta a un giusto percorso disintossicante da portare avanti per la durata di circa un mese.

Il sedano è adatto infatti a ripulire l’organismo dalle tossine accumulate e si consiglia in differenti situazioni, come, ad esempio, gli eccessi alimentari.

È possibile preparare anche una zuppa di sedano dalle proprietà detox.

Si prepara lasciandolo ammorbidire in padella, una volta lavato e sbucciato perché se ne eliminino i filamenti, con lo scalogno.

In una casseruola bisognerà cuocere le patate che saranno poi aggiunte al sedano amalgamato allo scalogno e il tutto sarà ricoperto di brodo vegetale.

Lasciate cuocere la zuppa per quindici minuti per addensare gli elementi e amalgamare il sapore.

È possibile, se preferite le vellutate, passare il composto al minipimer a immersione.

Leggi anche: Succo di aloe vera: il drink detox dalle proprietà medicinali

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *