fbpx

Perché i non vaccinati sono un pericolo

Un pool di individui non vaccinati fornisce un serbatoio affinché il virus continui a crescere e moltiplicarsi, e quindi maggiori opportunità per l’emergere delle varianti.

Quando ciò si verifica all’interno di una popolazione in gran parte vaccinata, la selezione naturale favorirà una variante resistente al vaccino.

È quel che si evince da un interessante articolo sulla rivista Pnas, dal titolo: “How the unvaccinated threaten the vaccinated for COVID-19: a Darwinian perspective”.

Partendo proprio dal problema delle varianti del virus Sars CoV-2, gli autori scrivono come da una prospettiva darwiniana ci troviamo di fronte a una crudele selezione della specie.

Scrivono gli autori: “Nel 1859, Charles Darwin pubblicò L’origine delle specie, in cui delineava i principi della selezione naturale e della sopravvivenza del più adatto”.

non vaccinati

Il mondo sta sperimentando la sgradita opportunità di vedere i principi dell’evoluzione enumerati da Darwin svolgersi in tempo reale, nelle interazioni della popolazione umana con SARS-CoV-2. 

Il mondo avrebbe potuto facilmente saltare questa spiacevole lezione, se non ci fosse stato un numero così grande di non vaccinati contro questa malattia.

SARS-CoV-2 ha dimostrato che può mutare in molte varianti dell’agente originale.

non vaccinati

“Finora, siamo stati fortunati che le varianti emerse possano ancora essere in qualche modo controllate dai vaccini attuali, probabilmente perché queste varianti si sono evolute in popolazioni per lo più non vaccinate e non sono state soggette alla pressione selettiva di dover crescere in ospiti vaccinati”.

Tuttavia, la variante Delta mostra una maggiore frequenza di infezioni tra i vaccinati.

Il vero pericolo è da individuare in quella che sarà la variante futura, che sarà l’eredità dei non vaccinati così da fornire un terreno fertile affinché il virus continui a generare varianti.

Potrebbe sorgere una variante resistente ai vaccini attuali, rendendo di nuovo suscettibili quelli già vaccinati.

“I progressi che abbiamo fatto per superare la pandemia andranno persi” continuano gli autori. 

Bisognerà sviluppare nuovi vaccini.

Saranno nuovamente necessari lockdown e mascherine. 

Molti di più che sono attualmente protetti, soprattutto tra i più vulnerabili, moriranno.

Non è necessario che questa terribile previsione si verifichi se la vaccinazione universale viene adottata, o obbligata, a proteggere tutti, compresi coloro che sono già vaccinati.

non vaccinati

La selezione darwiniana può anche risolvere il problema con un calcolo molto più crudele. 

I non vaccinati si ammaleranno e quindi saranno l’equivalente dei vaccinati, o moriranno e quindi verranno rimossi come terreno fertile per il virus.

“Gli Archivi Nazionali del Regno Unito annotano che, nel 1665, durante la peste nera, “per impedire la diffusione della malattia, una vittima fu rinchiusa in casa sua con tutta la sua famiglia, condannandoli tutti a morte”.

Le vaccinazioni offrono una risposta molto più umana per prevenire la diffusione di questa malattia.

La strada da percorrere è nelle mani dei non vaccinati e nella volontà politica delle autorità.

 

Leggi anche: Cos’è l’immunità di gregge e quali i rischi per la popolazione

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *