Tai Chi storia ed evoluzione

Il Tai Chi, ovvero il Tai Ji Quan, è un’arte marziale parte del Wushu tradizionale cinese.

Gli stili nei quali si è evoluta nel tempo quest’ arte marziale nelle diverse scuole – famiglie sono: il Chen, lo Yang, Wù e Sun.

L’attuale semplificazione degli stili classici originali ha reso il Tai Chi più facile da adottare nella pratica.

Pertanto, l’eredità tradizionale dell’uso del Tai Ji Quan per l’autodifesa e il miglioramento della forma fisica è stata ampliata ad applicazioni più contemporanee che si concentrano sulla promozione della salute fisica e mentale, sul miglioramento del benessere generale, sulla prevenzione delle malattie croniche, ed essere un intervento clinico efficace per diverse condizioni mediche.

Il Tai Ji quan (noto anche come Tai Chi) è stato tradizionalmente praticato per molteplici scopi, tra cui l’autodifesa e il miglioramento della forma fisica. 

Per centinaia di anni i cinesi hanno goduto di molti benefici che si crede offra il Tai Ji Quan. 

Oggi, persone di ogni età e provenienza da tutto il mondo stanno scoprendo ciò che i cinesi sanno da secoli: che la pratica prolungata del Tai Ji Quan porta a cambiamenti positivi nel benessere fisico e mentale.

La storia del Tai Chi inizia nel XVII sec. nella città di Chenjiagou, per opera di Chen Wangting (1600–1680) che è stata storicamente riconosciuta come la prima persona a creare e praticare il Tai Ji Quan, in un formato noto come stile Chen. 

Con l’istituzione dello stile Chen, il Tai Ji Quan tradizionale inizia ad evolversi sia all’interno che all’esterno della famiglia Chen. 

Un articolo pubblicato dalla rivista Journal of Sport ci racconta come Chen Changxing (1771–1853) ruppe gli ammonimenti della sua famiglia di mantenere l’arte all’interno della famiglia insegnando lo stile Chen al suo apprendista talentuoso e laborioso Yang Luchan (1799–1872) di Yongnian nella provincia di Hebei. 

Yang Luchan creò poi lo stile Yang e trasmise la sua routine a due dei suoi figli, Yang e Banhou (1837–1892), che svilupparono la “piccola struttura” dello stile Yang, e Yang Jianhou (1839–1917).

Il figlio di Yang Jianhou, Yang Chengfu (1883–1936), presentò al pubblico lo stile Yang.

Tai Chi

Wǔ Yuxiang (1812–1880), che per primo imparò il Tai Ji Quan dal suo compagno di villaggio Yang Luchan, acquisì una conoscenza approfondita della teoria del Tai Ji Quan dal maestro Chen Qingping (1795–1868) e, con l’assistenza di suo nipote Li Yishe (1832 –1892), ha combinato le tecniche apprese dagli stili Yang e Chen per sviluppare alla fine la teoria del Tai Chi che ha portato alla formazione del suo stile Wǔ unico.

Il quarto dei cinque stili principali è Wú, creato da Quan You (1834–1902) e suo figlio Wú Jianquan (1870–1942).

Quan imparò per la prima volta il Tai Chi da Yang Luchan e Yang Banhou. 

La raffinatezza di Wú dell’approccio “small frame” di Yang ha dato origine allo stile Wú.

Il quinto e più recente stile di Tai Chi proviene da Sun Lutang (1861–1932), che imparò il Tai Ji Quan dal discendente dello stile Wǔ Hao Weizhen (1849–1920).

Integrando Xing Yi Quan e Ba Gua Zhang (altre due forme di Wushu cinese), Sun Lutang ha sviluppato il suo stile Sun unico. 

Dagli anni ’50, sotto la sponsorizzazione della Commissione statale cinese per la cultura fisica e lo sport, si sono verificate ulteriori modifiche inclusa la variazione del numero di movimenti.

Poiché il Tai Chi  comporta azioni dinamiche con movimenti controllati e coordinazione, si ritiene che la pratica sostenuta a lungo termine migliori la funzione dei sistemi nervoso, cardiovascolare, respiratorio e muscolo-scheletrico , migliorando così la forma fisica, prevenendo le malattie croniche, migliorando la qualità generale della vita e aumentando la longevità.

 

Leggi anche: Allenarsi all’aperto? Meglio al freddo

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *