Trasformare l’ansia in pensiero positivo

Uno stato ansioso è frequentemente associato a preoccupazione e immobilità, ma trasformare l’ansia in un sentimento costruttivo non è difficile, invece.

L’ansia è una risposta a una situazione di allerta, una risposta automatica del sistema nervoso, ma è possibile trasformare l’ansia in qualcosa di positivo.

Parliamo, ovviamente, di attacchi d’ansia, fitte di preoccupazione e non di ansia cronica e grave.

La prima operazione per trasformare l’ansia in qualcosa di positivo è la comprensione di ciò che stiamo provando.

Trasformare l’ansia si traduce nell’essere consapevoli di un sovraccarico di energia che possiamo convogliare in un tipo d’emozione costruttiva.

L’energia che abbiamo in circolo, di per sé non è cattiva né buona, sta a noi capire che la situazione che la provoca andrebbe rivalutata.

A palarne è uno studio pubblicato dal Journal of Experimental Psychology, in cui si chiedeva ai partecipanti di parlare in pubblico, cantare oppure svolgere un compito matematico.

I partecipanti, rivalutando la loro situazione, in pratica è stato chiesto loro di trasformare l’ansia pre – spettacolo e capire che erano semplicemente eccitati per la prova, hanno ottenuto risultati migliori rispetto a chi invece, cercava di dominare l’ansia sforzandosi di calmarsi.

È soltanto un esempio, ma ci indica come trasformare l’ansia rivalutando la situazione che la crea, possa rappresentare una soluzione all’immobilità.

trasformare l'ansia

Il nostro stato d’ansia si lega principalmente ai potenziali rischi che la situazione ci presenta.

Una sorta di filtro incolore che ci appanna la vista, ma possiamo reinterpretare la nostra visione,

Uno studio del 2018 pubblicato su Frontiers in Psychology ha dimostrato che le immagini guidate, la pratica di creare immagini calme e pacifiche nella mente, riducono l’ansia. 

È possibile che la visualizzazione sia così efficace perché il cervello non riesce a distinguere tra un ricordo reale e uno immaginato.

trasformare l'ansia

In effetti, da decenni gli psicologi dello sport utilizzano tecniche di visualizzazione per aiutare gli atleti a superare l’ansia da prestazione.

Bisognerebbe imparare a utilizzare la visualizzazione per prepararsi a un evento ansiolitico o a qualsiasi scenario potenzialmente stressante.

La nostra performance ci chiede attenzione, questo carico ci preoccupa, potremmo indagare su fattori quali autostima e consapevolezza delle nostre capacità, in questo caso è possibile circoscrivere il problema alla nostra ansia e sapere che è possibile trasformare l’ansia in azione costruttiva e pensiero positivo.

 

Leggi anche: Ideali di bellezza sì ma quanta ansia

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *