Aziende B corp: il volto attivista dell’impresa

Nascono nel 2013 le aziende B corp e scrivono una nuova pagina della storia dell’imprenditoria italiana.

Le aziende B corp propongono, infatti, un modello di business attivista, in dialogo con le istituzioni sui temi della società, dalla gender equality all’educazione ambientale.

Si riuniscono sotto il podcast #unlockthechange, obiettivo è l’azione collettiva.

sentobene gocce auricolari

Scrivono le aziende B corp nel report pubblicato sul sito: “Siamo un insieme di aziende, fatte da persone.

aziende B corp

Le stesse persone che, nel 2021, hanno deciso di impegnare tempo e risorse per collaborare attivamente sulle tematiche che sentiamo più urgenti e verso le quali pensiamo sia necessario agire collettivamente”.

Un vero e proprio laboratorio d’impresa suddiviso in gruppi che si concentrano sulle tematiche Communication & Marketing, Gender Equality, Education e NetZero, e operano secondo il principio della co-creazione.

Una nuova spinta propulsiva che anima le aziende B corp e che raggruppa nella sua comunità, insiemi di visioni collettive economiche che sappiano rispondere alle esigenze attuali della società, un sistema economico eco sostenibile e affari etici a sostegno di ambiente e la società tutta.

Da Roma a Milano, passando per Napoli, le aziende B corp si fanno vettore comunicativo perché il consumatore si sensibilizzi sui temi sociali con l’atto della sua adesione, acquisto.

aziende B corp

Un acquisto etico e responsabile.

Una crescita del 26% del movimento delle aziende B Corp italiane nel 2021.

3.600 il numero di nuove aziende in Italia che hanno usato il B Impact Assessment nel 2021.

10.000 Le aziende italiane che utilizzano il B Impact Assessment.

Un movimento globale di oltre 4000 aziende, che ha l’obiettivo di diffondere un nuovo paradigma economico, che vede il business come strumento fondamentale per la creazione di benessere per la società e per il pianeta.

“Una soluzione concreta, operativa e scalabile, per superare il più grosso limite del capitalismo – ovvero la sostanziale esclusione delle persone e del pianeta come portatori di interesse – senza metterne in discussione i punti di forza: la libertà di fare profitto per gli shareholder, l’imprenditoria, la libera iniziativa, l’innovatività, la competizione, il libero mercato e costituiscono un concreto esempio di passaggio da una Shareholder Economy a una Stakeholder Economy” scrivono le B corp nel Report.

Leggi anche: “Screen generation” e isolamento digitale

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *