Giocattoli inclusivi: dai Lego alla Barbie ipoacusica

La creazione di giocattoli inclusivi non rappresenta soltanto attenzione alle diverse caratterizzazioni personali e di genere, ma si traduce anche, in una rappresentazione realistica della società e di chi la vive.

Già nel 2015 la campagna di giocattoli inclusivi #ToyLikeMe, promossa dalla giornalista inglese Rebecca Atkinson e altri genitori, si poneva l’obiettivo di sensibilizzare il mondo dei giochi per bambini sull’importanza di dare vita a giocattoli inclusivi che tenessero conto dei circa 150 milioni di bambini in condizione di disabilità.

Partita dai Social e divenuta poi virale, la campagna diede inizio a una vera collaborazione con l’industria del giocattolo e la creazione delle Makies Dolls, primi esempi di giocattoli inclusivi che vedevano la creazione di bambole con apparecchi acustici e con bastoni per ipovedenti.

sponsor salutebuongiorno

Risale al 2016, invece, sempre grazie alla campagna #ToyLikeMe, il modello Lego di un personaggio dei giochi sulla sedia a rotelle, per poi proseguire con la creazione dei Braille Bricks, kit di mattoncini con numeri e alfabeto in Braille per bambini con problemi di vista.

Arriviamo all’oggi e all’immissione sul mercato della Barbie con l’apparecchio acustico.

giocattoli inclusivi

La Barbie con protesi acustica, annunciata ieri dal brand, rientra nella linea Barbie Fashionistas e riflette a misura di bambola le persone che vivono la disabilità della perdita dell’udito.

Il gioco è l’attività principale dei bambini con la funzione pedagogica di preparare i piccoli al futuro, allo sviluppo di empatia e socialità.

Una ricerca dell’Università di Cardiff per il marchio Barbie scrive: “Lo studio ha monitorato l’attività cerebrale nei bambini di età compresa tra 4-8 anni mentre giocavano con una varietà di bambole e playset Barbie.

Il gioco con le bambole attiva aree del cervello che consentono ai bambini di sviluppare capacità sociali come l’empatia.
L’attivazione cerebrale che sviluppa l’empatia si manifesta persino
quando i bambini giocano con le bambole in modo autonomo.

Quando i bambini giocano con le bambole, utilizzano un linguaggio maggiormente incentrato sui pensieri e sulle emozioni degli altri.

Questo permette loro di esercitare le abilità sociali che possono utilizzare quando interagiscono con le persone nel mondo reale”.

giocattoli inclusivi

 I giocattoli inclusivi, alla luce dello sviluppo sociale dei bambini, consentono ai bambini di confrontarsi e conoscere la diversità, rispettandola, interagendoci.

La Barbie con l’apparecchio acustico sarà sul mercato dal luglio 2022, ma non è sola, quest’anno, infatti, nascerà anche Ken con vitiligine e una Barbie con protesi alla gamba.

Giocattoli inclusivi, quindi, che possono attivare certo autorappresentazione ma anche e soprattutto confronto, per imparare a conoscere lo spettacolo del mondo in tutte le sue singolarità.

 

Leggi anche: Giochi in plastica: i rischi

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *