fbpx

Lo schiaffo del Papa: tra meme , ironia e piatti speciali

La notizia ha fatto il giro del mondo e internet è stato invaso da ogni sorta di immagine e sfottò. Ma perchè lo schiaffo del Papa ha scatenato l’ilarità del popolo internauta?

E’ la sera del 31 dicembre in piazza San Pietro a Roma , mentre il Pontefice saluta la folla, una fedele lo afferra per un braccio tirandolo a se , a tale gesto Papa Bergoglio particolarmente infastidito reagisce tirando due bei schiaffoni sulle mani della fedele incredula.

Il 1 Gennaio arrivano le scuse ufficiali, ma è troppo tardi , il web è impazzito , le immagini dello schiaffo del Papa sono diventate virali e in ogni parte del mondo digitale( complice anche gli auguri di Capodanno) partono grafiche e meme che ritraggono e prendono in giro il Pontefice.

eCommerce Farmad

In stile braccio di ferro con tanto di tatuaggi al video creato sulla pagina FB di Osho in dialetto romanesco, ce ne sono veramente tanti e per tutti i gusti.


schiaffo del papa
schiaffo del papa

E per gusto , ecco che spunta l’Inventiva Napoletana che per l’occasione ha inaugurato il nuovo anno con un piatto dedicato : i “Paccheri del Papa” un tipo di pasta artigianale di Camporeale con burrata di Andria igp, polpo verace , gamberoni argentini e pomodoro giallo corbarino.

paccheri del papa

 

Ma perchè tutto ciò ?

Papa Francesco non è sicuramente nuovo a questo genere di ironia, durante il suo pontificato varie volte è stato ritratto in immagini divertenti, vuoi per la sua spontaneità, per le sue espressioni o perchè comunque ricopre un ruolo importante: come capo della Chiesa di Roma , successore di Pietro , eletto su ispirazione dello Spirito Santo.
Predicatore di pace e amore in ogni angolo del paese l’opinione pubblica si divide tra chi lo assolve ritenendone una reazione del tutto umana e da chi lo condanna in quanto tale gesto cozza pesantemente con tutto ciò che il Papa rappresenta.

 

E secondo voi ? La reazione del Papa è stata giusta ?
Fatecelo sapere con un commento

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *