fbpx

Lavanda una cura per ansia e insonnia

La lavanda è una pianta caratteristica della regione mediterranea coltivata, in Italia, nelle zone del Lazio, Toscana, Piemonte e Liguria.

La pianta della lavanda, oltre che per la sua gradevole fragranza, viene, infatti, usata per la profumazione della biancheria, vanta anche proprietà fisioterapiche per cui la si utilizza, in forma d’olio essenziale, per lenire e alleviare disturbi del sonno e forme d’ansia.

Sedativa, antiemicranica e antispasmodica è un rimedio del tutto naturale per la cura e può essere usata per via orale e per inalazione ma anche come olio per massaggi, in particolare alla fine del ‘900 alcuni studi sperimentali avevano constatato, per l’olio di lavanda, proprietà narcotiche e calmanti.

La via inalatoria, al momento, risulta la meno efficace al contrario dell’impiego per i massaggi dagli effetti rilassanti.

Le ricerche e le sperimentazioni sulla lavanda dimostrano che la pianta in capsule, grazie ai suoi principi quali linalolo e linalil-acetile, riesce ad agire efficacemente sull’ansia, contrastandola, e può coadiuvare un trattamento farmacologico come anche psicologico, non parliamo in questo caso della lavanda acquistabile in erboristeria ma di un farmaco.

Nonostante gli studi non sappiano individuare i contesti specifici in cui la lavanda risulta determinante per la cura, in forma generale però, dimostrano come la lavanda possa lenire situazione d’ansia diffusa.

In epoca romana, si ricorda, come fosse usata come decotto e infuso, oltre che in forma di essenza, poiché le si riconoscevano proprietà purificanti, oltre che adatta alla cura della bellezza dei capelli.

Ancora, in età medievale, era considerata un portafortuna nonché simbolo di prosperità.

Ad oggi la pianta, riesce a integrare trattamenti specifici per gli stati d’ ansia, pur non potendo, ovviamente, sostituire il farmaco.

Nel dettaglio, non possiamo sostituire un ansiolitico con la lavanda, ciononostante, è possibile che possa favorire un effetto rilassante e sostenere l’azione benefica della medicina.

Leggi anche: https://www.salutebuongiorno.it/2020/05/biancospino-la-pianta-che-cura-cuore-e-insonnia/

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *