fbpx

Sandali capresi storia e curiosità

L’artigianato caprese con i suoi caratteristici sandali storici, riprende vita per l’estate 2020.

La storia dei sandali capresi comincia con Tiberio ma prosegue fino ad oggi allorquando li indossiamo con una leggera variante, le decorazioni di cristalli e bijoutteria.

I laboratori artigianali sono presenti soprattutto a Sorrento ma la loro isola d’origine rimane Capri.

sentobene gocce auricolari

A Capri possiamo trovarli Da Costanzo proprio a pochi passi dalla storica piazzetta, dove si producono già dal 1963.

I volti noti che hanno scelto la tipica calzatura dei sandali capresi sono Jackie O, Marella Agnelli e Sophia Loren.

Fatti a mano ed esportati in tutto il mondo, i sandali capresi conoscono due tipologie essenziali i Syrenia e i Corcione.

La tipologia Syrenia nasce dall’estro creativo di Annalisa Cammarata, designer, mentre i Corcione, presenti dal 1925 sul mercato artigianale, si realizzano grazie alle idee di Giovanni Corcione.

Ne esistono modelli anche per uomini e per bimbi.

I sandali Syrenia sono dotati di suole di cuoio toscano mentre le tomaia vengono tagliate e lavorate a mano.

I Corcione investono essenzialmente sulla decorazione rifinendo i sandali con Swarovski, oro e altri preziosi.

Leggi anche: https://www.salutebuongiorno.it/2020/03/la-maschera-di-giada-il-rimedio-deluxe-per-il-viso/

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *