fbpx

Covid: latte materno non trasmette il virus

Il latte materno durante l’allattamento al neonato da una madre positiva non veicola il Nuovo Coronavirus.

Lo studio italiano, pubblicato a settembre dalla rivista scientifica Frontiers in Pediatrics declina ogni dubbio in proposito.

La ricerca, che è stata coordinata dalla Città della Salute di Torino, ha preso in esame quattordici campioni di latte di madri positive al virus dopo il parto.

sanywell

Controllati durante il loro primo mese di vita, i neonati.

Le analisi condotte sul latte delle madri hanno dato riscontro negativo al Sars-CoV-2 in 13 di questi campioni, in un solo caso e in maniera transitoria si è riscontrata la presenza dell’Rna virale.

I neonati che sono stati allattati con questo latte, le madri hanno seguito una procedura di sicurezza quali dispositivi di protezione individuale, disinfezione di mani e superfici, non sono risultati positivi al virus.

Anche quattro neonati di mamme ammalatesi dopo il parto e che risultavano positivi nei primi giorni di vita, si sono negativizzati durante il primo mese di allattamento.

Gli ospedali coinvolti nello studio sono sei in totale.

Lo studio è stato coordinato dalla Neonatologia universitaria dell’ospedale Sant’Anna della Città della Salute di Torino (diretta dal professor Enrico Bertino) e dal Laboratorio universitario di Virologia Molecolare del Dipartimento di Scienze Cliniche e Biologiche (diretto dal professor David Lembo), cui hanno partecipato, oltre alla Neonatologia ospedaliera del Sant’Anna (diretta dal dottor Daniele Farina), le Neonatologie degli ospedali Mauriziano e Maria Vittoria di Torino e quelle degli ospedali di Alessandria, Aosta e del San Martino di Genova. Le analisi molecolari sui campioni di latte sono state condotte nei Laboratori ospedalieri di Microbiologia della Città della Salute e dell’ospedale San Luigi Gonzaga (diretti rispettivamente dalla professoressa Rossana Cavallo e dalla dottoressa Giuseppina Viberti, affiancata in questo studio dal dottor Giuseppe De Renzi).

Leggi anche: Carica virale elevata. Cosa significa

 

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *