fbpx

Fare stretching contro l’ipertensione

Fare stretching non equivale soltanto al movimento di allungamento dei muscoli ma, in realtà, è un ottimo esercizio per ridurre la rigidità delle arterie.

In pratica, fare stretching aiuta tutte le arterie a ridurre la resistenza al flusso sanguigno abbassando notevolmente i livelli di pressione arteriosa.

Se camminare è stata a lungo la ricetta preferita dai medici che cercano di aiutare i loro pazienti ad abbassare la pressione sanguigna, questo nuovo studio pubblicato sul  Journal of Physical Activity and Health, ci dice che la pratica dello stretching aiuta e non poco, a controllare l’ipertensione.

L’ipertensione è un importante fattore di rischio per le malattie cardiovascolari e tra i principali fattori di rischio prevenibili che influenzano la mortalità complessiva.

Questa nuova scoperta delinea un quadro differente da quello comunemente condiviso, così come spiega il professore dell’USask Dr. Phil Chilibeck (PhD), coautore dello studio “Tutti pensano che lo stretching sia solo allungare i muscoli“- ha detto – “Ma quando allunghi i muscoli, allunghi anche tutti i vasi sanguigni che alimentano il muscolo, comprese tutte le arterie.

Se riduci la rigidità delle arterie, c’è meno resistenza al flusso sanguigno”, ha detto, osservando che la resistenza al flusso sanguigno aumenta la pressione sanguigna”.

Questo non significa necessariamente allontanarsi dall’attività aerobica, “Non voglio che le persone si allontanino dalla nostra ricerca pensando che non dovrebbero fare qualche forma di attività aerobica. Cose come camminare, andare in bicicletta o lo sci di fondo hanno tutte un effetto positivo sul grasso corporeo, sui livelli di colesterolo e sullo zucchero nel sangue “.

Mentre il protocollo di studio prevedeva che i partecipanti si allungassero per 30 minuti alla volta, Chilibeck sospetta che gli stessi benefici possano essere ottenuti eseguendo una  routine più breve che enfatizzi i gruppi muscolari più grandi nelle gambe , in particolare i quadricipiti e i muscoli posteriori della coscia.

Lo yoga produce riduzioni simili della pressione sanguigna” – ha detto.

La bellezza dello stretching, ha detto Chilibeck, è che è così facile da incorporare nella routine quotidiana di una persona.

“Non sei in balia del tempo ed è facile per le tue articolazioni, un grande vantaggio per le persone con osteoartrite. E non richiede un grande impegno di tempo, un’altra barriera all’esercizio per molte persone”.

“Quando ti rilassi la sera, invece di sederti sul divano, puoi sdraiarti sul pavimento e allungarti mentre guardi la TV“, ha detto.

 

 

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *