fbpx

Gonfiore addominale. La dieta antinfiammatoria

Il gonfiore addominale post pasto interessa in egual misura sia gli uomini che le donne.

Non parliamo di quella sensazione di pienezza che avvertiamo dopo aver consumato il nostro pasto ma di un gonfiore addominale che ci indica il processo di fermentazione che avviene dopo l’ingestione dei cibi.

Questa fermentazione, coadiuvata dalla composizione di determinati alimenti (fritture- latte e latticini- cereali raffinati) porta alla formazione di gas e di conseguenza si avverte questo doloroso gonfiore addominale.

eCommerce Farmad

Quel che viene compromesso è l’equilibrio dei batteri che si trovano nel colon manifestando, così, sintomi come il gonfiore addominale e problemi correlati, come meteorismo, reflusso e problemi digestivi.

L’acronimo FodMap sintetizza e, quindi, individua quegli zuccheri che causano gonfiore addominale.

F sta per fermentabili, O per oligosaccaridi e D per disaccaridi, ancora la M di monosaccaridi e la P per polioli.

Parliamo, in altri termini, di zuccheri contenuti nei legumi, il lattosio, il fruttosio e i dolcificanti artificiali, questi sono alimenti ad alto profilo FodMap che possono facilmente irritare il colon e farci soffrire di quel fastidioso gonfiore addominale.

Per una dieta corretta anti-gonfiore si consiglia, almeno per disintossicare l’intestino evidentemente sovraffaticato e dolorante, di eliminare dalla nostra alimentazione questi zuccheri specifici altamente irritanti e prediligerne altri.

No a pane e pasta raffinati, poiché, infatti, contengono fruttani cioè quegli zuccheri fermentabili, e prediligere carboidrati integrali.

Per regolare il gonfiore addominale bisognerebbe assumere, per le sue proprietà antinfiammatorie per eccellenza, lo zenzero, che possiamo aggiungere a una spremuta d’agrumi e piatti di verdure.

Il gingerolo, presente nella radice, infatti, aiuta a ottimizzare la motilità intestinale e gode di proprietà antinfiammatorie, analgesiche, calmanti e antibatteriche.

Per disintossicare il colon, bene la cannella, per l’azione sul meteorismo e la regolarità intestinale, il finocchio, grazie alle sue proprietà carminative e digestive, l’ananas, per la sua azione diuretica ed alcalinizzante.

Carote, zucchine e insalate, ma anche carne bianca e pesce azzurro, e ancora curcuma, frutta secca, frutti di bosco, olio extravergine a crudo, riso scuro, mele cotte, uova, yogurt bianco sono ottimi alleati dell’intestino.

Leggi anche: Colon irritabile identikit di una sindrome diffusa

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *