Consumo di latte e yogurt: il decalogo

Il consumo di latte e yogurt in Italia disattende le aspettative degli esperti della nutrizione, che invece, li raccomandano come alimenti da inserire nell’alimentazione quotidiana.

Il basso consumo di latte e yogurt allerta le istituzioni e il Tavolo Tecnico sulla Sicurezza Nutrizionale (TaSiN) pubblica il decalogo del consumo di latte e yogurt.

Nel documento pubblico, consultabile sul sito del Ministero della Salute, si raccomanda il consumo di latte e yogurt, come alimenti indispensabili della dieta per la loro qualità e ricchezza di nutrienti.

Il decalogo ci suggerisce di consumare ogni giorno 3 porzioni tra latte e yogurt.

Una porzione corrisponde a 125 g cioè un bicchiere piccolo oppure 1/2 tazza o un vasetto di yogurt.

“Il latte e lo yogurt sono alimenti per iniziare bene la giornata. Con una tazza intera di latte (2 porzioni) a colazione e uno yogurt come spuntino si raggiungono le 3 porzioni raccomandate”.

consumo di latte e yogurt

Il consumo di latte e yogurt è vivamente raccomandato sì in chiave di nutrizione salutare ma anche in ottica preventiva: il loro consumo contribuisce a diminuire il rischio di insorgenza di osteoporosi.

Fonti indiscusse di calcio, il consumo di latte e yogurt assicura all’organismo elementi come vitamina A, le vitamine del gruppo B e altri sali minerali come fosforo, magnesio, zinco e selenio.

consumo di latte e yogurt

Nel dettaglio lo yogurt, grazie ai fermenti lattici, favorisce l’equilibrio della flora intestinale e aiuta la salute dell’apparato intestinale.

Lo yogurt, infatti, che si ottiene per fermentazione del latte, opera su specifici microrganismi.

Il decalogo pubblicato dal TaSiN sfata alcuni luoghi comuni:

“Il latte può essere bevuto ad ogni età.

Nell’intestino umano è presente la lattasi, enzima necessario per la digestione del lattosio (zucchero del latte).

Ciò rende il latte un alimento adeguato a bambini, adulti e anziani, ad eccezione degli intolleranti al lattosio che hanno una documentata carenza di lattasi”.

 

Leggi anche: Kefir, yogurt, miso. Cibi fermentati perché assumerli

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *