L’impatto del metaverso sulla salute mentale

Esperti e professionisti della mente nutrono non poche perplessità sull’impatto del metaverso sulla salute mentale.

Il metaverso è un termine che è dato dall’evoluzione di Internet in mondo virtuale, per cui le persone interagiscono tra loro attraverso sé digitali, avatar.

Si può citare Stephen King e il suo Lawnmower Man del 1975 per risalire a un concetto di tecnologia digitale immersiva e gli effetti sull’umanità.

sentobene gocce auricolari

Perché Facebook intende avviarsi verso il metaverso e qual è l’impatto del metaverso sulla salute mentale?

In un articolo apparso sul New York Post si scrive, menzionando l’azienda Facebook:

“Il metaverso è la prossima evoluzione della connessione sociale”, scrive Meta su una  pagina web  che ospita anche una serie audio in 13 parti che descrive in dettaglio la visione di Zuckerberg per lo spazio digitale.

Questa “evoluzione”, a quanto pare, è già qui poiché aziende come Microsoft, Apple e Nvidia stanno già gettando le basi per spazi virtuali decentralizzati.

Ora gli esperti stanno seriamente riflettendo su come i piani di Zuckerberg per il futuro influenzeranno la salute mentale delle persone, alcune delle quali sono già fortemente integrate in un mondo online”.

impatto del metaverso sulla salute mentale

L’impatto del metaverso sulla salute mentale, le interazioni virtuali possono coinvolgere eventi quali deliri e allucinazioni.

In un articolo di Psychology Today si scrive: “L’uso eccessivo della tecnologia digitale è associato a molti problemi di salute mentale, come sintomi somatici (6%), depressione (4%), psicoticismo (0,5%), ideazione paranoica (0,5%) e gravi malattie mentali (2%).

 Tuttavia, le psicosi sono tra le più gravi e quindi meritano una certa considerazione, soprattutto se un’azienda che ha circa 1,9 miliardi di utenti giornalieri suggerisce di passare a un’esperienza digitalmente immersiva”. 

L’impatto del metaverso sulla salute mentale riguarda le giovani generazioni.

impatto del metaverso sulla salute mentale

Un esempio di letteratura apripista sulla complessità del rapporto uomo- tecnologia è Snow Crash, il libro di Stephenson.

Il punto cruciale del dibattito sull’impatto del metaverso sula salute mentale è la durata delle connessioni, in altre parole, quanto tempo trascorriamo in Internet e dedichiamo alle interazioni virtuali?

Il dibattito è tutt’altro che concluso.

“La natura interattiva del metaverso potrebbe fornire un’arena diversa per lo svolgimento della terapia online, che potrebbe persino migliorare l’accesso alla terapia per le persone disabili con un’esperienza migliore e più realistica” scrive ancora il New York Post.

Tuttavia, è probabile che il tema dell’impatto del metaverso sulla salute mentale dividerà ulteriormente le persone nel loro accesso e uso della tecnologia.

 

Leggi anche: Realtà virtuale e la compressione del tempo

 

 

 

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *