Praticare la gentilezza: l’azione che guarisce

Praticare la gentilezza è un atto prosociale che aiuta lo sviluppo del linguaggio nei più piccoli e rafforza l’organismo.

A parlarne è un articolo apparso su Psychology Today, che inizia citando il romanziere Henry James sul praticare la gentilezza come atto importante della vita umana: “Tre cose nella vita umana sono importanti”. Il primo è essere gentili. Il secondo è essere gentili. Il terzo è essere gentili”.

Praticare la gentilezza è un’azione acclamata da poeti, filosofi “come un dono, una religione, un linguaggio udibile ai sordi e visibile ai ciechi, un’arma per combattere il male e la più grande gioia dell’umanità. E ora, la scienza sta mostrando proprio perché i riconoscimenti suonano veri” scrive l’autrice Marianna Pogosyan, Ph.D.

Praticare la gentilezza aumenta il benessere.

Un’affermazione interessante che ci collega al benessere che la socialità procura agli altri e a noi stessi.

Praticare la gentilezza può anche aumentare la soddisfazione per la vita , l’umore positivo e l’accettazione da parte dei pari.

Può stimolare il rilascio di serotonina e ossitocina , che possono aumentare la fiducia, ridurre la paura e l’ansia e aiutarci a leggere la mente l’uno dell’altro .

Per gli anziani, il comportamento prosociale può promuovere la longevità .

praticare la gentilezza

Per gli adolescenti , può aumentare l’autostima.

I ricercatori dell’Università di Oxford hanno recentemente scoperto che possiamo aumentare i nostri livelli di felicità quando siamo gentili con coloro con cui godiamo di legami stretti e deboli (ad esempio, la famiglia e gli estranei)”.

“Per la psicoterapeuta e autrice di The Kindness Cure, la dottoressa Tara Cousineau, la gentilezza è un momento di connessione umana.

Poiché ogni interazione porta il potenziale di minaccia e ricompensa, ci vuole vulnerabilità e coraggio per mantenere questi potenziali allo stesso tempo in questo momento di connessione. Forse è per questo che nella nostra cultura moderna, dove è facile insospettire della gentilezza, vederla come debole e morbida, essere bombardati da messaggi che il mondo è un luogo pericoloso e scortese, Cousineau vede la gentilezza come “amore in azione.”

praticare la gentilezza

Praticare la gentilezza può essere più semplice per alcune persone che sono inclini ad essere più empatiche di altre. 

Ma la gentilezza appartiene a tutti, perché il nostro sistema nervoso si è evoluto per avere una sensibilità altamente sintonizzata nel prendersi cura degli altri.

Darwin considerava “l’istinto di simpatia ” come uno dei più forti istinti umani che aiutavano la nostra specie a sopravvivere e prosperare.

La gentilezza non è casuale”, dice Cousineau.

“Dobbiamo reindirizzare intenzionalmente la nostra energia e attenzione a notare cosa c’è di buono, piacevole e bello nell’umanità“.

 

Leggi anche: Stima e fantasia aiutano la coppia

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *