Alimentazione

Qual è la dieta macrobiotica

La dieta macrobiotica nasce dagli studi del filosofo giapponese George Ohsawa, il quale ha tentato di conciliare l’alimentazione con meditazione, esercizio fisico ed energie dei cibi.

L’alimentazione macrobiotica prevede l’utilizzo di prodotti biologici, locali e di stagione.

Possiamo suddividere la dieta macrobiotica in una serie di macrocategorie che comprendono un 40-60% di cereali integrali, orzo, avena, grano saraceno, ancora un 20-30% di frutta e verdura.

salutebuongiorno canale youtube

dieta macrobiotica

Circa il 10% – 25% di fagioli e prodotti a base di fagioli come tofu, miso e tempeh e verdure di mare come le alghe

Occasionalmente è possibile, secondo il regime macrobiotico, integrare la propria alimentazione con verdure fermentate, noci e proteine animali come carne e pesce.

Le linee teoriche stilate dal filosofo giapponese per la dieta macrobiotica, prevedono ascolto e rispetto del nostro organismo, suggerendo, in questo modo, di mangiare e bere solo quando si ha fame e sete, masticare bene prima di ingerire il pasto.

Anche la cottura degli alimenti segue piccoli accorgimenti, e quindi, si dovrebbero prediligere materiali naturali come legno, vetro e porcellana per cucinare e conservare gli alimenti, ed evitare forni a microonde e piastre elettriche.

dieta macrobiotica

Altra precauzione della dieta macrobiotica è quella di purificare l’acqua prima di cuocere gli alimenti o berla, oltre che evitare bevande aromatizzate, contenenti caffeina o alcoliche.

In realtà il termine dieta viene usato in modo improprio, in quanto la cosiddetta dieta macrobiotica rappresenta più che un regime alimentare un vero e proprio stile di vita.

Non si tratta di un regime per controllare il peso ma la capacità di creare uno stile di vita equilibrato con il cibo.

La ricerca scientifica contemporanea suggerisce che il regime macrobiotico ha un effetto positivo sulla salute del cuore con studi che riportano anche una riduzione dei lipidi nel sangue e del colesterolo oltre a benefici nella gestione della pressione sanguigna.

Ciò è, in parte, grazie alla natura vegetale, povera di grassi e ricca di fibre del regime.

Gli aspetti dietetici del piano sono utili anche per le persone con diabete di tipo II e per i non diabetici che soffrono di ipoglicemia reattiva , ovvero livelli di zucchero nel sangue estremamente bassi circa quattro ore dopo un pasto.

Tuttavia, alcune categorie come quelle di giovani, anziani e coloro che presentano specifiche patologie, hanno bisogno di ingerire una varietà differente di alimenti e la dieta macrobiotica potrebbe essere limitante.

Gli studi hanno dimostrato che alcuni minerali e vitamine possono essere limitati , inclusi calcio, ferro, vitamine B12 e D e proteine.

Per coloro che sono già deboli e possibilmente sottopeso, una dieta ristretta come questa potrebbe non fornire la variazione necessaria e le calorie necessarie per favorire il recupero e per individui normali e sani, in particolare i bambini, un regime rigoroso può limitare la crescita e lo sviluppo .

Leggi anche: Teff: il super cereale gluten free

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *