Acqua di cottura della pasta come fertilizzante

Riutilizzare l’acqua di cottura della pasta come fertilizzante per le piante è un rimedio green e basso costo per nutrire la nostra flora casalinga.

L’Italia è tra principali Paesi consumatori di pasta, con un consumo che, nel dettaglio, si aggira intorno ai 23,5Kg all’anno.

Per cuocere un 500 gr di pasta, utilizziamo fino a un litro d’acqua, riutilizzare l’acqua di cottura della pasta come fertilizzante per le nostre piante è senz’altro un modo per ottimizzare la nostra risorsa idrica.

acqua di cottura della pasta come fertilizzante

Oltre a motivazioni ecologiche sull’usare l’acqua di cottura della pasta come fertilizzante, ci sono anche specifiche proprietà di quest’acqua da non sottovalutare.

Benché venga spesso destinata allo scarico, l’acqua di cottura della pasta è composta da elementi che la rendono un alleato delle pulizie di casa e un ottimo fertilizzante per le piante.

acqua di cottura della pasta come fertilizzante

Se è vero che possiamo usarla per faccende domestiche come il lavaggio dei piatti,

è pur vero che l’acqua di cottura può essere un vero toccasana per le piante.

Le sue sostanze nutritive non solo la rendono un ottimo fertilizzante ma anche una fonte di idratazione a lungo termine, ideale soprattutto per le piante grasse.

Ancora, l’acqua di cottura della pasta così come quella del riso, può essere utilizzata come antiparassitario naturale.

L’acqua di cottura della pasta come fertilizzante perché contiene fattori nutrienti importanti, così come scrive Flourishingplants.com.

Grazie alla proliferazione di batteri dovuta alla presenza di minerali come calcio, fosforo, ferro, zinco e potassio, agisce da fertilizzante.

Le piante cresceranno più forti e robuste e più resistenti alle malattie.

Infine, se vaporizzata sulle foglie, l’acqua della pasta sarà utile per ottenere un fogliame più verde lucente e rigoglioso.

L’acqua filtrata dopo la bollitura della pasta è benefica per molti tipi di piante e contiene più sostanze nutritive dell’acqua della pasta derivata dal solo lavaggio.

acqua di cottura della pasta come fertilizzante

Versa l’acqua della pasta sulle radici della tua pianta due volte a settimana e lasciala in ammollo per 5 minuti.

Puoi anche versarlo sul terreno della tua pianta o utilizzare un flacone spray con acqua pura mescolata con uguale quantità di acqua della pasta.

Prima di utilizzare l’acqua di cottura della pasta come fertilizzante, attendi 20-40 minuti così che raggiunga una temperatura di 20-25 ⁰C.

Raffreddata, usatela per innaffiare le piante.

Leggi anche: Il piacere dell’orto anche in balcone

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *