Società e CulturaVivere Meglio

Aree verdi urbane a Napoli: la riqualificazione

Riqualificare le aree verdi urbane a Napoli è un obiettivo comune sposato da associazioni locali e amministrazione che, con nuove iniziative tentano la strada del supporto al verde incastonato in una zona altamente urbanizzata.

Se è vero che il processo di urbanizzazione coatto comporta una serie di problemi ambientali sempre più aggressivi, d’altro canto è pur vero che si mostra da parte della società civile tutta, una forma di sensibilità alle aree verdi urbane a Napoli e una nuova e rinnovata attenzione.

La riqualificazione delle aree verdi urbane a Napoli si articola nelle attività di singoli cittadini, associazioni ambientaliste e di privati che si impegnano ad aderire a nuovi modelli di sviluppo e tutela del verde in città e cercano, altresì, di sensibilizzare sull’importanza del ruolo delle aree verdi urbane a Napoli.

sentobene gocce auricolari

aree verdi urbane a Napoli

Non mancano le eccellenze, e se tra le aree verdi urbane a Napoli spicca il Real Bosco di Capodimonte, con 441 diverse specie vegetali che caratterizzano l’area, e 42 nuove specie che si sono insediate nell’area, così come scrive in un report la rivista Nature, è pur vero che è forte la propulsione collettiva a implementare le aree verdi urbane a Napoli per il bene della città.

“C’è una danza tra l’ambiente naturale e quello urbano: l’espansione degli agglomerati urbani tende a schiacciare gli spazi verdi, ei frammenti dell’ecosistema naturale incastonati nelle città tendono al loro equilibrio quando viene meno l’apporto energetico dato dalla gestione umana” scrive la ricerca Nature.

A chiarie, però, la battaglia per le aree verdi urbane a Napoli è Ettore Morra, presidente dell’associazione 100X100 Naples, realtà virtuosa del napoletano che consegue risultati di rilievo nell’area metropolitana partenopea per la riqualifica del verde in città.

Nata da poco più di anno, l’associazione presieduta da Ettore Morra 100X100 Naples, si avvale dell’impegno dei privati e del lavoro di giardinieri e associazioni di cittadini per riabilitare lo spazio verde in città.

aree verdi urbane a Napoli

“Lavoriamo con un piccolo gruppo di giardinieri e comitati di cittadini di fasce fragili. Il punto di partenza è stato l’adozione di intere aree verdi, in tutto ad oggi ne contiamo 7: P.zza Vittoria, P.zza della Repubblica, la rotonda Diaz, P.zza Sannazzaro, P.zza Nazionale e P.zza Carlo III.

Il nostro intento è il ripristino delle aree verdi a Napoli che si articola in diverse fasi: dalla pulizia alla manutenzione, dal piantare nuovi fiori all’averne cura. L’impegno non è a breve scadenza, in quanto la nostra opera ha una durata di almeno 3 anni. La nostra associazione 100X100 Naples, vive grazie alla presenza di aziende, per ora 30 e denoto un grande interesse sia da parte di chi decide di aderire sia da parte della cittadinanza.

L’obiettivo è diventare una realtà ampia e condivisa per riuscire ad aumentare il numero di aree da gestire.

Collaboriamo con municipalità e Asia per smaltire i rifiuti e per gestire con l’allacciamento, la risorsa idrica in città. Abbiamo creato un nuovo impianto di irrigazione a P.zza Vittoria e stiamo cercando – nonostante le difficoltà burocratiche del caso- di dedicarci alla rotonda Diaz”.

Leggi anche: Vivere nel verde riduce l’obesità

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *