fbpx

Epidemia nuovo Coronavirus: l’Oms dichiara il rischio elevato

L’ “Europe’s journal on infectious disease surveillance, epidemiology, prevention and control” riporta che il nuovo Coronavirus, attualmente chiamato 2019-nCoV, rileva sequenze del genoma che suggeriscono la presenza di un virus strettamente correlato ai membri di una specie virale chiamata CoV correlata alla sindrome respiratoria acuta grave (SARS), una specie definita dall’agente dell’epidemia di SARS del 2002/03 nell’uomo.

La specie comprende anche un gran numero di virus per lo più rilevati nei pipistrelli rinolofidi in Asia e in Europa.

“Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), il China Country Office dell’OMS è stato informato dei casi di polmonite di eziologia sconosciuta nella città di Wuhan, provincia di Hubei, il 31 dicembre 2019. Un nuovo coronavirus attualmente chiamato 2019-nCoV è stato annunciato ufficialmente come agente causale dalle autorità cinesi il 7 gennaio”. Fonte “Europe’s journal on infectious disease surveillance, epidemiology, prevention and control”.

sanywell

Allo stato attuale, la potenziale esposizione a una fonte ambientale comune nei primi casi segnalati implica la possibilità di infezioni zoonotiche indipendenti con una maggiore variabilità della sequenza.

Per dimostrare che i test sono in grado di rilevare altri virus correlati alla SARS associati ai pipistrelli, i laboratori hanno usato il test del gene E per testare sei campioni fecali derivati ​​dai pipistrelli.  Questi campioni positivi al virus sono derivati ​​da pipistrelli rinolofidi europei.

Il rilevamento di questi valori anomali filogenetici all’interno del clade CoV correlato alla SARS suggerisce che è probabile che vengano rilevati tutti i virus asiatici. Ciò, in teoria, garantirebbe un’ampia sensibilità anche in caso di acquisizioni multiple indipendenti di virus varianti da un serbatoio di animali.

L’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) ha giudicato il rischio globale derivante dal coronavirus cinese «elevato»

Il rischio «è molto alto in Cina, alto a livello regionale e alto a livello globale». E c’è il serio rischio che presto si possa parlare di «emergenza sanitaria internazionale» ha dichiarato il ministro della Salute Roberto Speranza al quotidiano “Corriere della Sera”.

Il nuovo virus, dice il ministro «è classificato di tipo B (come Sars e Polio) quanto a pericolosità, ma viene di fatto gestito come uno di classe A, al pari di colera e peste».

Le case farmaceutiche stanno lavorando alla preparazione di un vaccino contro il coronavirus 2019-nCov eppure la velocità con la quale si sta propagando il virus non è compatibile coi tempi della ricerca. In questi giorni è stato approvato il progetto per lo sviluppo del vaccino mRNA contro il nuovo coronavirus (2019-nCoVcosì come dichiara lo Shanghai East Hospital dell’Università Tongji. Il vaccino sarà sviluppato dall’ospedale con la Stermirna Therapeutics.

L’entità della trasmissione da uomo a uomo di 2019-nCoV non è chiara al momento della stesura del rapporto pubblicato dall’“Europe’s journal on infectious disease surveillance, epidemiology, prevention and control” ma ci sono prove di trasmissione da uomo a uomo.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *