Sport all’aperto per rafforzare l’organismo

Praticare uno sport all’aperto significa sviluppare una maggiore resistenza fisica e rafforzare il sistema immunitario.

L’attività sportiva all’aperto, infatti, grazie ai raggi solari permette di assorbire la vitamina D, un alleato dell’organismo contro le patologie invernali.

Una a ricerca inglese pubblicata su Environmental Science and Technology e divulgata sul quotidiano “La Repubblica” ha reso noto che per la mente l’allenamento del corpo all’aria aperta, immerso nella natura ha effetti maggiormente benefici rispetto a quello indoor.

Gli esperti del Peninsula College of Medicine and Dentistry di Plymouth hanno esaminato undici trial già pubblicati sull’argomento.

Dagli dati esaminati si è decretato che l’attività fisica all’aria aperta dona una maggiore sensazione di vitalità ed energia nonché buon umore agendo e combattendo ansia, depressione, tensione e rabbia.

“Sapevamo che fare movimento immersi nella natura fa bene – dice Jo-Thompson Coon, uno degli autori della ricerca – ma ci hanno stupito gli effetti sull’ansia e la depressione”.

Ciò che bisogna ben valutare, nei mesi freddi, è un adeguato equipaggiamento, in quanto, tosse e raffreddore non sono causati dall’aria in sé ma da un abbigliamento poco idoneo a sostenere le basse temperature o ancora agli sbalzi di temperatura.

E chi nuota?

Per quel che riguarda il nuoto quest’ultimo non è causa di otite in quanto essa incorre soprattutto nei cambi repentini di temperatura.

Il nuoto, infatti, è consigliato per rafforzare le difese immunitarie perché aumenta la produzione di linfociti T oltre che ad essere consigliato per chi soffre di asma bronchiale.

Come fare allora per evitare di ammalarsi?

Rispettare alcune norme igieniche generali, utilizzare ciabatte e teli di spugna personali, ad esempio. Terminata l’attività sportiva bisogna lavarsi con cura per effettuare una buona detersione epidermica e asciugare per bene, soprattutto piedi e dita perché non rimangano umidi. Prediligere indumenti di cotone a quelli sintetici.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *